Questione di pelle / CeB e le fatture false / Merendine alla plastica

Settimanale di inchiesta e informazione sui diritti dei cittadini e dei consumatori www.rsi/pattichiari A cura di Lorenzo Mammone

Questione di pelle / CeB e le fatture false / Merendine alla plastica

Puntata del 26.02.2016

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Pesavo 115 chili, ma dopo una bella dieta, tanto sport e un vero e proprio cambiamento nel mio stile di vita, sono riuscita a perderne oltre 40”. Chi scrive a Patti chiari è Sarah, una giovane mamma di Poschiavo, molto fiera del risultato ottenuto. Ma c’è un problema, la pelle in eccesso rimasta dopo il dimagrimento. Tanta pelle. Ma una soluzione per eliminarla ci sarebbe: l’intervento chirurgico. La cosiddetta addominoplastica. E lei è pronta ad affrontarla. Ma poi l’amara sorpresa. In Svizzera l’intervento è molto costoso e la cassa malati non paga perché è un’operazione di chirurgia estetica che l’assicurazione obbligatoria di base non copre. Eppure non si tratta di un capriccio. Tutta quella pelle è fastidiosa, imbarazza e condiziona la vita della nostra telespettatrice proprio come i chili che con tanta forza di volontà si è lasciata alle spalle. E allora che fare?

Per risparmiare qualche migliaio di franchi Sarah pensa di farsi operare all’estero. Non c’è che l’imbarazzo della scelta, ma districarsi nella giungla di offerte non è facile. Certo i prezzi sono allettanti. E la qualità? Quali sono i rischi? Sarah si fa tante domande ma della pelle di troppo non ne può proprio più. Decide quindi di finire sotto i ferri lontano da casa. Avrà fatto la scelta giusta? Sarà andato tutto liscio? È soddisfatta dell’intervento? Rifarebbe la stessa esperienza? E ancora: avrà davvero risparmiato denaro?

Federica Bonetti e Elia Regazzi hanno seguito Sarah passo dopo passo. Le nostre telecamere di Patti chiari addirittura entrate in sala operatoria e vi racconteremo pure come è andata la convalescenza dopo l’intervento.

Quello di Sarah non è però un caso isolato. Abbiamo raccolto la testimonianza di altre telespettatrici che si trovano nella stessa situazione. Dopo aver perso molti chili, anche più di 50, lottano contro la pelle in eccesso che devono nascondere sotto strati di vestiti e contro le loro assicurazioni malattia che non pagano questo tipo di intervento. Ma è giusto che non contribuiscano ai costi dell’operazione? Ci sono margini di manovra?

 

Prendi i soldi e scappa

Vendeva materassi, reti per letti, poltrone relax, vasche da bagno per invalidi e anziani. Ma negli ultimi mesi sembra essersi limitata a emettere fatture per merce che non era nemmeno stata ordinata. È la curiosa vicenda di una ditta con sede a Muralto, la CeB. Ad aver ricevuto una fattura per merce non voluta né ricevuta sono decine e decine di persone, soprattutto nel Gambarogno. Nessuno, sembrerebbe, ha pagato: ciononostante il titolare della ditta è riuscito a mettere le mani su un bel gruzzolo. Come avrà fatto? 

Quella che vi raccontano Riccardo Fanciola e Fabio Pellegrinelli è una vicenda che merita pienamente di intitolarsi “Prendi i soldi e scappa” come il primo, divertentissimo film di Woody Allen!

 

Merendine alla plastica, ma non solo….

(iStock)

Sono fra le barrette di cioccolato più famose al mondo: Mars, Milky Way, Snickers. Uno degli spuntini più apprezzati da grandi e piccini. Ma questa volta il dolce boccone è andato di traverso. In alcun barrette i consumatori hanno rinvenuto pezzetti di plastica. La reazione della casa produttrice non si è fatta attendere. Milioni di confezioni, quelle che scadono tra il 19 giugno 2016 e l’8 gennaio 2017, sono state ritirate dal mercato in 55 paesi, Svizzera compresa. Non è ancora chiaro come la plastica possa essere finita all’interno degli alimenti, ma la notizia ha riportato di attualità un elemento spesso poco considerato dalle aziende alimentari e dai consumatori: la plastica appunto. Non ce ne rendiamo conto ma siamo circondati dalla plastica, e ogni giorno la ingeriamo. Avete capito bene, perché la plastica si può trovare dappertutto, anche dove meno ve l’aspettate; nel miele, nel latte, nei pesci, nei vegetali, nell’acqua e in altri alimenti ancora. Ma da dove arriva? Patti chiari vi mostra le cause di questo grande inquinamento alimentare provocato soprattutto dai prodotti di cosmetica, ma non solo. E vi svela lo strano percorso che fa la plastica per entrare nel cibo che mangiamo.

Condividi