Pietro Cucco

Una carriera in cucina, nonostante l'opinione del nonno... Conosciamo meglio Pietro...

Nome: Pietro Cucco

Quando è nata la tua passione per la cucina? Da piccolo, guardando mia madre cucinare un risotto allo zafferano per la famiglia ho capito che dietro a ogni pasto si nasconde un piccolo lavoro da artigiano. Da quel momento decisi di incominciare a intraprendere gli studi nel settore alberghiero.

A cosa ti ispiri quando cucini? Mi capita spesso di pensare come altri grandi chef farebbero al mio posto, uno fra tanti Gordon Ramsay.

Il tuo piatto forte: mi piace molto cucinare la carne e i secondi in generale

Il tuo piatto preferito: delle belle puntine alla griglia cotte lentamente e in compagnia

La tua filosofia in cucina: la semplicità vince sempre!

Un tuo progetto o un sogno: oltre che aprire un ristorante alternativo e contemporaneo, vorrei prendermi un anno sabbatico e girare l’Asia per scoprire nuovi sapori e prodotti.

Quando non sei tra i nostri fornelli cosa fai? Dedico molto tempo al lavoro ma appena posso scappo dal mio cane un volpino nano, che si chiama ovviamente BISCOTTO!

Una curiosità su di te: la prima volta che dissi a mio nonno che volevo fare il cuoco mi diede una botta in testa con il bastone dicendomi che ero matto.

Descriviti in tre aggettivi: simpatico, ingegnoso, permaloso.

Seguici con