Finte carote di pasta brisée

Elisa Spadola
Seguici con

Ingredienti per 4 persone

 

Pasta brisée vegana:

250 g di farina semi-integrale o bianca tipo “0”

½ cucchiaino di sale

1 cucchiaino di paprica dolce

60 g di olio extravergine di oliva

1 dl di succo di carote molto freddo

 

Ripieno:

300 g di fagioli borlotti o cannellini già cotti

1 cipollotto (parte bianca)

3 cucchiai di salsa di soia

½ cucchiaino di curcuma

½ cucchiaino di paprica dolce

Pepe

3 cucchiai abbondanti di “polvere di mandorle”

Olio extravergine di oliva

Brodo vegetale

 

Polvere di mandorle:

6 cucchiai di mandorle pelate

2 cucchiai di lievito alimentare in scaglie (facoltativo)

½ cucchiaino di sale

 

Decorazione:

Qualche foglia di insalatina verde

 

Per preparare la pasta brisée vegana: in una ciotola, o con l’aiuto di una planetaria, impastare bene la farina unita al burro di soia (o margarina), all’olio extravergine di oliva, al succo di carote e al sale, fino ad ottenere un impasto umido e omogeneo che non si attacchi alle mani. Coprire quindi con della pellicola trasparente e trasferire in frigorifero per 20 minuti.

Con l’aiuto di un mattarello stendere la pasta piuttosto fine dandole una forma più rettangolare possibile, con un coltello ricavarne delle strisce lunghe circa 40 cm e larghe 2 e avvolgerle agli appositi coni di metallo precedentemente unti con poco olio extravergine di oliva o burro di soia. Sistemare quindi i coni su una teglia rivestita con della carta da forno e cuocere in forno a 180°C per 20 minuti circa o fino a quando risulteranno ben colorati. Sfornare e pennellare ogni pezzo con  una miscela preparata con 1 cucchiaio di olio e 1 di paprica. Lasciare intiepidire quindi sformare dai coni e lasciare raffreddare completamente.

Per preparare la polvere di mandorle: unire e frullare finemente in un mixer le mandorle, il lievito e il sale. (La polvere di mandorle così ottenuta si conserva i frigorifero chiusa in un barattolo di vetro per più di 1 mese).

Per preparare il ripieno: in una padella antiaderente unire un filo di olio extravergine di oliva spadellare per un paio di minuti il cipollotto affettato unito ai fagioli borlotti. Sfumare con la salsa di soia e lasciare restringere per qualche istante prima di spegnere il fuoco. In un mixer unire i fagioli, la curcuma, la paprica dolce, la polvere di mandorle e frullare il tutto aggiungendo, se necessario, brodo vegetale al fine di ottenere una crema morbida e lavorabile. Assaggiare ed eventualmente regolare con poco sale o altra salsa di soia, quindi trasferire il composto in un sac à poche.

Per comporre il piatto: farcire le “finte carote” di pasta brisée con la crema di fagioli e decorare con una piccola foglia di insalatina verde sulle estremità aperte.