Perché il cielo è azzurro?

Perché il cielo è azzurro?

Episodio 1

domenica 07/01/18 09:25 - ultimo aggiornamento: mercoledì 14/03/18 11:20

Clicca qui la scheda in pdf di: Perché il cielo è azzurro?

 

Se non ci fosse il Sole, il cielo non sarebbe né blu, né rosso, né turchino, sarebbe nero, com’è di notte.
Ma come mai il cielo della Luna è nero anche quando il Sole la illumina, come si vede nelle foto degli astronauti?
Perché alla Luna manca l’atmosfera, quel sottile strato di aria che come la buccia di una mela ricopre tutta la Terra. Senza l’atmosfera non c’è vita, ma nemmeno le nuvole o il vento, e il cielo sarebbe nero, anche con il Sole che ci illumina.
La luce che arriva dal Sole è una sovrapposizione di tanti colori: rosso, arancione, giallo, verde, blu e violetto.
Avete presente cosa accade quando un raggio di sole attraversa un prisma, o un pezzo di vetro? Si forma l’arcobaleno, la luce è scomposta nei suoi colori.
Ognuno di questi colori è un’onda, un’onda di energia, con creste e valli.
La distanza fra due creste si chiama lunghezza d’onda e determina il tipo di colore. La lunghezza d’onda della luce rossa è maggiore della lunghezza d’onda di quella violetta o di quella blu. Per arrivare sulla Terra la luce del Sole attraversa l’atmosfera, ma le molecole di gas e polveri che la formano ostacolano il suo cammino.
Le onde che vanno dal rosso al verde hanno una lunghezza d’onda abbastanza ampia da oltrepassare quasi indenni molecole e pulviscolo, arrivano al nostro occhio e noi vediamo la luce gialla del Sole. La luce azzurra ha una lunghezza d’onda più piccola, che non gli permette di evitare le molecole di gas e le particelle di pulviscolo, le colpisce e rimbalza, si diffonde in tutte le direzioni e colora il cielo di azzurro.
C’è anche un po’ di luce violetta, che ha una lunghezza d’onda ancora più piccola, ma quella che arriva dal sole è così poca e il nostro occhio è così poco sensibile al violetto che il cielo risulta soprattutto azzurro.

 

Esperimento di Margot

Occorrente 
Latte, una torcia e una bella vasca piena d’acqua.

Come si fa
La torcia con la sua luce è il Sole. Per creare l’atmosfera, aggiungete qualche goccia di latte all’acqua. Mescolate bene, otterrete un liquido con tantissime e microscopiche particelle in sospensione - proteine e grassi del latte. Avete creato la vostra atmosfera, un insieme di particelle e molecole di gas diversi, soprattutto ossigeno e azoto, ma anche vapore acqueo, anidride carbonica e pulviscolo. Spegnete le luci e accendete la torcia. Posizionatela sul lato corto a contatto con il vetro e osservatela mettendovi dalla parte del lato lungo. L’acqua appare leggermente azzurra (effetto tyndall). Le particelle sospese diffondono il colore azzurro, lasciando oltrepassare gli altri colori, rosso, arancio e verde che insieme danno un giallo ocra, il colore della luce della torcia. E il rosso del tramonto? Se vi spostate sul lato corto e osservate direttamente la sorgente luminosa, noterete che appare rosso-arancio.

 

Curiosità

Rosso di sera - Quando il sole è all’orizzonte, i raggi di luce fanno un percorso più lungo attraverso l’atmosfera, in questo lungo tragitto la maggior parte dei colori è diffusa, anche quelli di lunghezza maggiore, le uniche onde che raggiungono il nostro occhio senza essere diffuse sono quelle più lunghe, di colore rosso, e così mi appare il sole e il cielo al tramonto.

Storie: Caronavirus

Seguici con