Collective

A cura di Valerio Selle www.rsi.ch/la2doc

A Bucarest, il 30 ottobre 2015, un incendio divampato all'interno della discoteca "Colectiv" (in rumeno) provoca ventisette morti, mentre altri 180 giovani vengono ricoverati in ospedale. Trentaquattro di loro perdono la vita nelle settimane seguenti a causa di violente infezioni.

I decessi sono causati dall'inadeguatezza delle strutture ospedaliere e dalla criminale mancanza di rispetto delle norme di igiene. Criminale perché dovuta al deliberato impiego di disinfettanti inadeguati, venduti a prezzi esorbitanti e forniti agli ospedali con la connivenza delle autorità corrotte.

Uno scandalo enorme e senza precedenti che viene alla luce soltanto grazie al coraggio di un medico e, fatto quanto meno inusuale, all'inchiesta condotta da un giornale sportivo e da alcuni intraprendenti redattori.

Il Governo alla fine è costretto a dimettersi. Il nuovo e giovane ministro della sanità tenta allora di varare alcune riforme e di estirpare l'endemica corruzione del sistema sanitario locale.

Ne risulta una battaglia che alla fine risulterà vana.

L'eccezionale documentario di Alexander Nanau, vincitore di numerosi premi internazionali, racconta in maniera chiara, drammatica e avvincente la storia di una tragedia che poteva essere evitata. Una storia che va oltre l'immaginazione, e purtroppo, senza lieto fine.

 

 

Seguici con