La2 Doc

L'amatore

di Maria Mauti


Il film l’Amatore è un viaggio dentro le pieghe intime di uno degli architetti e urbanisti di fama del ventennio fascista, Piero Portaluppi (Milano 1888 – 1967), attraverso la riscoperta della sua opera nel presente e del suo diario filmico, un archivio inedito in 16 millimetri girato e montato dall’architetto.

Uomo di fascino e potere, Piero Portaluppi attraversa questa epoca grandiosa e tragica con distacco e ironia, danzando sulle cose e creando bellezza. La Storia intanto cammina implacabile accanto alle vicende dell’uomo. l’Amatore è la storia di un seduttore, un uomo dalle insolite ossessioni, che un giorno compra una cinepresa, nel 1929, e da allora non smette più di filmare e montare la realtà che lo circonda. Eclettico e agnostico, Portaluppi si costruisce un personaggio dai molteplici volti, sostenuto da un talento naturale e una vera ambizione. La cifra del suo sguardo verso il mondo e se stesso è l’ironia. Vive gli anni entusiasmanti e ambigui della costruzione del regime, con cui mantiene una distanza. E nello stesso tempo si concede la piena realizzazione professionale. Anche lui arriva al successo grazie all’eccezionale fortuna che nel ventennio travolge l’arte a cui si dedica, l’architettura.

Portaluppi è prima di tutto l’architetto dell’alta borghesia, un uomo che arriva a tutto ciò che desidera, successo, potere, donne, talento, ma con la guerra perde quello che più conta nella sua vita. Suo figlio muore nei mari di Algeri. La sua vena creativa si spegne irrimediabilmente.

Un Guardiacaccia in arrivo...

Seguici con