La sede di Lugano dell'USI (©tipress)

Dove va l'Università?

LA 2, mercoledì 11 ottobre, 21:05

Di università si parla molto, anche nella Svizzera Italiana. Non è raro trovare riflessioni su quali nuove Facoltà progettare per rafforzare una struttura in crescita; come attrarre nuovi studenti; quale equilibrio finanziario garantire - e a spese di chi - all´istituzione accademica.

Forse, però, si affronta ancora solo in modo parziale il quadro mondiale, che vede combattersi due modelli: quello anglosassone, attento alle classifiche internazionali sempre più di moda, per cui è giusto che gli studenti paghino un alto prezzo, in termini di rette di iscrizione, per poi entrare in possesso di titoli appetibili dal mercato.
Sull´altro fronte, semplificando, c´è il modello scelto da Paesi europei come la Germania, la Svezia, la Svizzera, in cui lo studio universitario resta un diritto per tutti, a cui fanno fronte - dal punto di vista finanziario - le istanze pubbliche.

Gli studenti, dal loro punto di vista, paiono preoccupati soprattutto che l´università da loro scelta fornisca un buon biglietto di entrata nel mondo del lavoro.

Di tutto ciò - e di altro ancora - si discuterà nella serata evento in onda su LA 2 mercoledì 11 ottobre all´interno dell´aula A13 dell´Università della Svizzera Italiana a Lugano e condotta da Alessia Caldelari.
Quattro gli ospiti di eccezione:

  • Monica Duca Widmer (presidente Consiglio USI)
  • Boas Erez (Rettore USI)
  • Antonio Loprieno (già presidente della Conferenza svizzera dei Rettori)
  • Mauro Baranzini (professore emerito di Economia)

Insieme a loro, i membri del Senato accademico, studenti, professori, ricercatori.
Il percorso della serata sarà segnato dai filmati che racconteranno le storie dei protagonisti a Lugano e Mendrisio. Ascolteremo poi i pareri di un profondo conoscitore del mondo accademico elvetico come Mauro Dell´Ambrogio, segretario di Stato alla formazione, ricerca e innovazione.

Infine, un documentario in due parti ci porterà nel mondo reale delle università, dagli Stati Uniti alla Germania alla Svezia.

Ogni centesimo conta, ti aspettiamo

Seguici con