La situazione si è sbloccata dopo l'incontro fra Trump e Xi Jinping a Buenos Aires, in margine al vertice del G20 (keystone)

I primi frutti di una tregua

Prime soppressioni di dazi doganali dopo l'intesa fra USA e Cina. Volano le borse asiatiche

La Cina ha deciso di “abbassare o sopprimere” i dazi doganali sulle importazioni di automobili prodotte negli Stati Uniti. Lo ha affermato in un tweet il presidente statunitense Donald Trump. Attualmente i dazi doganali toccano il 40%.

 

Sabato l’inquilino della Casa Bianca e il numero uno cinese Xi Jinping si erano incontrati a margine del G20 in Argentina e si erano accordati per una “tregua” nel conflitto commerciale che vede coinvolti i due Paesi da diversi mesi. I due leader si sono impegnati a non mettere in vigore nuovi dazi doganali e a trovare un accordo commerciale entro 90 giorni. Washington mette tuttavia in guardia Pechino. In caso che le discussioni non dovessero concludersi positivamente, l’Amministrazione Trump è pronta a portare dal 10 al 25% i dazi su 200 miliardi di dollari di prodotti cinesi.

 

Le rassicurazioni di Trump e Xi  ha consentito, come primo effetto, di riprendere fiato alle Borse asiatiche che chiudono in forte rialzo con gli investitori che festeggiano la tregua USA-Cina sul commercio siglata sabato a margine del G20 da Donald Trump e Xi Jinping. Gli investitori, inoltre, guardano alla decisione di Russia e Arabia Saudita di estendere il loro accordo per gestire il mercato petrolifero. Tokyo archivia la seduta ai massimi da sei settimane e guadagna l'1,0%. Sul mercato valutario lo yen si indebolisce lievemente sul dollaro a un livello di 113,50, ed è stabile un valore di 128,80 sull'euro. In forte rialzo i listini cinesi con Shanghai (+2,5%), Shenzhen (+3,2%), Hong Kong (+2,5%). A Mercati ancora aperti Seul (+1,6%) e Mumbai (-0,18%).

ATS/AFP/Swing

Condividi