L'inflazione è stata trainata dagli aumenti dei carburanti e delle auto nuove (Reuters)

L'inflazione torna a mordere

Aumentati in maniera significativa i prezzi in Svizzera, con la crescita maggiore degli ultimi dieci anni

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I prezzi in Svizzera tornano a salire in modo non trascurabile: nel 2018 l'inflazione si è attestata allo 0,9%, rispetto al +0,5% registrato nel 2017 e i rincari negativi dei due anni precedenti. Si tratta del dato annuo più elevato dal 2008, quando fu pari a +2,4%.

 

La crescita del 2018 è dovuta in particolare agli aumenti di costo dei prodotti petroliferi e degli affitti delle abitazioni, indica mercoledì l'Ufficio federale di statistica (UST) in un comunicato. I prezzi dei prodotti indigeni sono aumentati in media dello 0,4%, mentre quelli dei prodotti importati del 2,4%.

Il dato annuo, spiega l'UST, equivale alla media aritmetica dei 12 indici mensili dell'anno. In dicembre l'indice nazionale dei prezzi al consumo si è attestato a 101,5 punti: rispetto al mese precedente vi è stata una flessione dello 0,3%, ma nel confronto annuo si è osservata una progressione dello 0,7%. La contrazione mensile è riconducibile a vari fattori, tra cui la diminuzione dei prezzi dell'olio da riscaldamento e dei carburanti. Sono invece cresciuti i prezzi dei pernottamenti in albergo e delle auto nuove.

ATS/Reuters/EnCa
Condividi