Un posto di blocco della polizia francese a Strasburgo (keystone)

Arrestato il fratello di Chekatt

Fermato nella notte in Algeria anche il congiunto del terrorista ucciso dopo l'attentato di Strasburgo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Sami Chekatt, 34 anni, è stato arrestato in Algeria nella notte tra giovedì e venerdì, con l'accusa di associazione per delinquere a scopo terroristico. Anche il fratello di Cherif, il terrorista ucciso giovedì dopo l'attentato di Strasburgo, era nell'elenco degli schedati "S", proprio come Cherif, la lista che raccoglie gli elementi che rappresentano un pericolo per lo Stato.

Sami era partito dalla Francia giorni prima dell'attentato di Strasburgo ma gli inquirenti cercheranno ora di capire se fosse al corrente degli intenti del fratello.

Cherif è stato ucciso nel centro di Strasburgo da una pattuglia di tre poliziotti contro la quale il killer del mercato di Natale aveva aperto il fuoco. Poco dopo la morte di Chekatt, è arrivata la rivendicazione dell'autoproclamato Stato Islamico, attraverso l'agenzia Amaq.

Intanto la città francese, una delle sedi del Parlamento europeo, sta lentamente tornando alla normalità. Dopo 48 ore di caccia all'uomo, Strasburgo ha riaperto alle 11.00 il suo mercato di Natale, in un'atmosfera di sollievo ma di dolore per i 3 morti e i 13 feriti, 5 dei quali gravi.

ATS/M. Ang.
Condividi