Un pompiere lotta contro le fiamme nello Yosemite National Park venerdì pomeriggio
Un pompiere lotta contro le fiamme nello Yosemite National Park venerdì pomeriggio (Reuters)

California, è stato d'emergenza

Il governatore Jerry Brown lancia l'allarme per due contee molto popolose mentre si fatica a contenere i tanti roghi

Non si placa l'inferno di fuoco che sta devastando la California. Il governatore Jerry Brown ha dichiarato lo stato di emergenza per due contee non lontane da Los Angeles a causa di un incendio che sta mettendo in pericolo migliaia di edifici. In queste zone, le fiamme interessano un'area di circa 4'000 ettari di terreno.

L'Holy Fire, scoppiato lunedì, ha colpito le contee di Orange e Riverside, e le fiamme sono state contenute solo per il 5%. Ed è solo l'ultimo dei circa sedici roghi scoppiati nel Golden State. In azione ci sono oltre mille vigili del fuoco, dieci elicotteri e sette aerei, come riferiscono i media venerdì.

Il Carr Fire invece, giunto alla terza settimana, ha già carbonizzato oltre 72'000 ettari di terreno e 1'600 strutture ed è contenuto al 50%. Secondo un modello sperimentale utilizzato dal National Weather Service, inoltre, il fumo degli incendi californiani si sta diffondendo su migliaia di chilometri, fino a New York, a circa 4'800 chilometri di distanza.

Gli incendi in California

Gli incendi in California

TG 20 di venerdì 10.08.2018

ATS/Reuters/AFP/EnCa
Condividi