La sede del Municipio a Belfast, capoluogo dell'Irlanda del nord
La sede del Municipio a Belfast, capoluogo dell'Irlanda del nord (Wikipedia/Wknight94)

Cattolici in maggioranza nell'Irlanda del nord

È quanto evidenziano gli esiti di un censimento ufficiale: per la nazione costitutiva del Regno Unito, a lungo segnata da conflitti interreligiosi, si tratta di una prima storica

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Svolta di valenza confessionale nell'Irlanda del nord. In questa nazione costitutiva del Regno Unito, a lungo segnata da conflitti interreligiosi, i cattolici risultano infatti ora più numerosi dei protestanti.

Il dato rappresenta una prima storica ed è attestato dagli esiti di un censimento ufficiale pubblicati oggi, giovedì.

In base ai risultati il 42,3% della popolazione nordirlandese si identifica infatti come cattolico, mentre il 37,3% si dichiara protestante o aderente ad altre confessioni cristiane. Nel 2011, anno legato al precedente censimento, i protestanti e gli appartenenti ad altre confessioni erano invece il 48%, a fronte del 45% di confessione cattolica.

Gli esiti del censimento potrebbero ora rilanciare il dibattito sull'ipotesi di una riunificazione della regione all'Irlanda; tema, questo, sempre più dibattuto dopo l'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea.

 
AFP/ARi
Condividi