Conta dei voti, si esprime la Corte suprema USA (keystone)

Conta dei voti prolungata

La Corte suprema USA ha deciso che le schede in North Carolina potranno essere contate fino a 9 giorni dopo il 3 novembre

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Corte suprema statunitense (la neo eletta giudice Amy Barrett non si è espressa motivando la sua decisione con il poco tempo per familiarizzarsi con il dossier in questione) ha consentito alla North Carolina (Stato in cui sono a disposizione 15 Grandi elettori) e uno degli Stati in bilico della presidenziale 2020, il conteggio dei voti per corrispondenza ricevuti entro nove giorni dall'Election Day purché abbiano il timbro postale antecedente.

Una vittoria per i democratici, una sconfitta per Donald Trump e i repubblicani, i quali avevano chiesto che fosse reintrodotta l'estensione di soli tre giorni decisa dal Parlamento statale lo scorso giugno. Una Corte d'appello federale aveva autorizzato i nove giorni disposti dalla commissione elettorale statale a causa della pandemia legata al coronavirus.

 

Stesso scenario in Pennsylvania (in gioco 20 grandi elettori) che però limita a tre giorni la possibilità di contare le schede arrivate per posta dopo il 3 novembre, giorno dell’elezione, ma che abbiano un timbro postale antecedente l’Election Day. A causa della pandemia di coronavirus gli americani votano molto più massicciamente per posta rispetto al passato. Non è comunque chiaro quanti giorni servano al servizio postale USA per consegnare le buste elettorali, vista anche la recente cura dimagrante cui è stato sottoposto. La questione era già stata sollevata alcune settimane fa e la Corte suprema potrebbe esprimersi nuovamente sulla questione anche per altri Stati dell’Unione.

ATS/Swing

Condividi