Coste USA investite da Florence

L'uragano sta causando danni per decine di miliardi di dollari su vaste aree della costa orientale americana

L'occhio del ciclone Florence si è abbattuto sulla costa orientale degli Stati Uniti, nel South e North Carolina, dove si registrano alluvioni, inondazioni e distruzioni. In alcune zone l'acqua supera i 3 metri e sono centinaia di migliaia le abitazioni rimaste senza corrente elettrica. Sono inoltre oltre 1'300 i voli cancellati, il che ha causato gravi disagi negli aeroporti.

 

Il Centro nazionale per gli uragani ha declassato l'uragano in arrivo dall’Oceano Atlantico a categoria 1, con velocità massima dei venti fino a 150 km/orari, ma i rischi non sono diminuiti, e Florence continua a rappresentare un pericolo per milioni di abitanti. È diminuita anche la velocità della tempesta: l'uragano si fermerà più a lungo sulla costa con conseguente aumento delle precipitazioni.

L'uragano Florence, abbattutosi in mattinata sulla North Carolina, resterà una “minaccia importante” per 24-36 ore. Lo ha reso noto la protezione civile americana (FEMA), sottolineando il rischio di inondazioni, anche nell'entroterra.

I meteorologi dell'agenzia federale oceanica e atmosferica (NOAA) hanno riferito che Florence “sta avanzando lentamente” e quindi scaricherà le sue piogge torrenziali per molte ore nelle stesse regioni.

L'inviato in Nord Carolina

L'inviato in Nord Carolina

TG 12:30 di venerdì 14.09.2018

La sua "lentezza" potrà aumentare il rischio di un anomalo innalzamento del livello del mare e di inondazioni nelle aree costiere e nelle città situate nell'entroterra di Nord e Sud Carolina. Nelle prossime ore l'uragano Florence dovrebbe spostarsi verso sud-ovest.

ATS/Reuters/EnCa
Condividi