In una foto del 2017
In una foto del 2017 (keystone)

"El Chapo sta impazzendo"

L’ex barone della droga avrebbe perso la lucidità mentale e non sarebbe in grado di sostenere un processo negli Stati Uniti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La salute mentale di El Chapo è a rischio e potrebbe non essere in grado di sostenere un processo. Lo ha dichiarato giovedì (venerdì in Svizzera) il legale di Joaquin Guzman, il signore della droga messicano a capo del Cartello di Sinaloa, dall'anno scorso estradato negli Stati Uniti dove è in attesa di processo.

"Abbiamo notato che il suo stato mentale è deteriorato - ha detto Eduardo Balarezo durante un'udienza preliminare in un tribunale di Brooklyn - non solo la sua memoria ma anche il modo di capire le cose. Non è lo stesso uomo che ho conosciuto".

Attualmente El Chapo si trova in un carcere di massima sicurezza a Manhattan e gli viene anche impedito di comunicare con la moglie. Più volte il narcotrafficante si è lamentato delle condizioni della sua prigionia. In una lettera ad un tribunale ha scritto che è come se fosse sotto tortura 24 ore al giorno.

Il processo a Guzman dovrebbe iniziare il prossimo settembre. L'uomo si è dichiarato non colpevole di riciclaggio di miliardi di dollari e di aver sovrinteso una campagna spietata di omicidi e rapimenti.

ATS/ludoC

Condividi