Processo lungo cinque anni (reuters)

Ergastolo alla neonazista

"Banda del kebab" in Germania: condannata l'unica sopravvissuta - Dieci persone uccise in sette anni

Ergastolo per Beate Zschaepe, l’unica sopravvissuta di una cellula neonazista che si è resa responsabile in Germania a partire dal 2000 e per sette anni di dieci omicidi a sfondo razziale, due attentati dinamitardi con decine di feriti e circa 15 rapine.

 

La 43enne era a processo da cinque anni e la sentenza è stata emessa dal Tribunale di Monaco che ha pure deciso di non concederle la libertà condizionale per i prossimi 15 anni.

Il gruppo Nationalsozialistischer Untergrund, conosciuto anche come la "Banda del kebab", durante i suoi raid ha ucciso otto turchi, un greco e una poliziotta tedesca. Zschaepe ha affermato di non aver preso parte a questi crimini con Uwe Boehnhardt e Uwe Mundlos, entrambi morti (omicidio-suicidio) nel 2011.

AFP/AlesS

Condividi