Il socialdemocratico Antti Rinne domenica sera a Helsinki (©Keystone)

Finlandia vince il centrosinistra

Il socialdemocratico Antti Rinne, con il 17,7%, potrebbe guidare il Governo, i populisti secondi con il 17,5%

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I socialdemocratici vincono di misura le elezioni parlamentari in Finlandia con il 17,7% dei voti contro il 17,5% dell'estrema destra, populista e sovranista, dei "Veri finlandesi". Il partito di centro è quarto, dietro anche ai conservatori. Lo indicano i risultati finali diffusi dai media locali, che attribuiscono ai socialdemocratici 40 seggi e ai "Veri Finlandesi" 39.

Il premier in pectore Rinne, in campagna elettorale ha puntato su un rafforzamento dello stato sociale, promettendo tra le altre cose di aumentare le pensioni di 100 euro al mese per fare uscire dalla povertà oltre 55'000 persone. Inoltre non ha avuto paura di chiedere un aumento delle tasse (che sono già tra le più alte in Europa, con un'aliquota massima per le persone fisiche di oltre il 51%), per garantire a tutti servizi sociali (welfare). In un Paese, tra l'altro, in cui c'è un'aspettativa di vita tra le più alte Europa (gli over 65 superano il 21% della popolazione), con evidenti conseguenze sulla spesa pubblica.

Programmi a parte, il primo problema dei socialdemocratici sarà trovare partner per una coalizione. Perché i numeri non consentiranno loro di governare da soli.

ATS/M. Ang.

 
Condividi