Preparativi in Carolina del Sud in vista dell'arrivo di Florence
Preparativi in Carolina del Sud in vista dell'arrivo di Florence (keystone)

"Florence, molti possono morire"

L’uragano si avvicina alle coste atlantiche degli Stati Uniti e, nonostante si sia indebolito, le autorità temono per le conseguenze degli allagamenti

L'uragano Florence, che si sta avvicinando alla costa sudest degli Stati Uniti, potrebbe "uccidere un sacco di persone". È il monito di Brock Long, il capo della Federal Emergency Management Agency (FEMA), la protezione civile statunitense.

Nonostante si stia indebolendo - e una volta toccata terra dovrebbe perdere ulteriormente intensità - resta un uragano molto pericoloso, ha detto Long, che teme per le conseguenze degli allagamenti. "Gli allagamenti interni uccidono un sacco di persone - ha detto -, e sfortunatamente questo è ciò che vedremo, più o meno".

Intanto, circa 1’200 voli programmati per giovedì e venerdì sono già stati cancellati in vista dell'arrivo dell'uragano. Lo riferisce Flightaware, il servizio che traccia i voli, precisando che il numero è relativamente piccolo ma potrebbe aumentare.

Uragano Florence, 1,7 milioni di sfollati

Uragano Florence, 1,7 milioni di sfollati

TG 12:30 di giovedì 13.09.2018

Chiude una centrale nucleare

La Duke Energy Corp sta inoltre chiudendo uno dei due reattori della centrale nucleare lungo la costa della North Carolina in vista dell'uragano che dovrebbe toccare terra domani, venerdì, vicino all'impianto situato a 260 km dalla capitale di Stato Raleigh. Il secondo reattore sarà disattivato nelle prossime ore.

La centrale ha la stessa progettazione di quella giapponese di Fukushima, che esplose e rilascio' una grande quantità di radiazioni in seguito al terremoto e allo tsunami del 2011. Dopo il disastro, le autorità Usa chiesero di nuovo a tutti gli impianti nucleari americani di potenziarsi contro terremoti e alluvioni.

ATS/ludoC

Uragano Florence sempre più ampio

Uragano Florence sempre più ampio

TG 20 di venerdì 14.09.2018

Condividi