Nasrallah punta il dito contro Riyad e Gerusalemme
Nasrallah punta il dito contro Riyad e Gerusalemme (keystone)

"Hariri è prigioniero!"

Accuse del movimento filoiraniano Hezbollah all'Arabia Saudita dopo le sospette dimissioni del premier libanese

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il capo dell'Hezbollah, potente movimento sciita filoiraniano che detta legge in Libano, ha accusato l'Arabia Saudita di tenere prigioniero il premier Saad Hariri, che la settimana scorsa, a sorpresa, aveva annunciato le sue dimissioni mentre si trovava a Riyad.

Hassan Nasrallah, manifestatosi venerdì, ha inoltre affermato che il regno wahhabita ha chiesto a Israele di colpire il paese dei cedri, sempre sull'orlo della guerra civile a causa dei delicati equilibri politici, per accentuare ulteriormente la crisi.

Il primo ministro aveva sostenuto dagli studi di al Arabiya, rete televisiva a capitale saudita, d'aver gettato la spugna a causa delle ingerenze di Teheran negli affari interni.

Preoccupato per la crescente tensione nell'area, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha rinnovato il suo impegno nell'intento di smorzare i toni ed evitare uno scontro che avrebbe tragiche conseguenze. Anche il presidente francese Emmanuel Macron, in zona per altri scopi, s'è adoperato affinché prevalga la via diplomatica.    

AFP/dg

Per saperne di più sulla nuova crisi nella regione: la puntata di Modem

Condividi