L'arresto di un oppositore pro-democrazia a Hong Kong (reuters)

Hong Kong: il G7 contro la Cina

"Pechino metta fine all'oppressione di chi promuove i valori democratici e difende i diritti e le libertà"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il G7 ha accusato venerdì la Cina di "soffocare il pluralismo politico" a Hong Kong e ha chiesto a Pechino di "porre fine all'oppressione ingiustificata" nel territorio, dopo il voto sulla controversa riforma elettorale e un'ondata di arresti di attivisti pro-democrazia.

"Chiediamo alla Cina e alle autorità di Hong Kong di ripristinare la fiducia nelle istituzioni politiche di Hong Kong e di porre fine all'ingiustificata oppressione di coloro che promuovono i valori democratici e la difesa dei diritti e delle libertà", hanno detto i ministri degli esteri di Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti in una dichiarazione comune.

Le autorità cinesi vogliono imporre una riforma elettorale all'ex colonia britannica che darebbe loro un veto di fatto sui candidati dell'opposizione pro-democrazia.

Sotto il fuoco dei critici occidentali, la Cina ha giustificato il suo piano come un secondo "pugno" necessario per "arginare efficacemente il caos" a Hong Kong, dopo la controversa legge sulla sicurezza nazionale dello scorso anno. Quella legge, progettata per riprendere il controllo del territorio semi-autonomo e porre fine alle proteste pro-democrazia, aveva già provocato un'ondata di sanzioni occidentali e la condanna del G7.

Nella loro dichiarazione congiunta, i ministri del G7 "esprimono la loro profonda preoccupazione per la decisione delle autorità cinesi di minare le basi democratiche del sistema elettorale di Hong Kong", secondo la versione del testo rilasciata dal Dipartimento di Stato americano.

 

AFP/M. Ang.
Condividi