Khashoggi, prove della morte in Turchia

La Turchia è in possesso di audio e video che provano l'uccisione del giornalista saudita Jamal Khashoggi nel consolato saudita di Istanbul e ha informato funzionari statunitensi, secondo quanto riportato dal Washington Post. L'uomo sarebbe stato interrogato, torturato e ucciso, prima di essere fatto sparire. Il materiale non sarebbe stato pubblicato ufficialmente perché la Turchia "teme si possa rivelare come Ankara spii le entità straniere nel paese". In seguito alla sparizione di Khashoggi, Richard Branson che ha annunciato il congelamento di diversi progetti nel paese come mezzo di pressione per fare chiarezza sulla caso.
Condividi