Soldati austriaci davanti al palazzo della Cancelleria a Vienna (keystone)

La spia che viene dall'Austria

Un colonnello di Vienna accusato di aver passato informazioni alla Russia per vent'anni. Mosca nega

Un colonnello delle forze armate austriache, oggi in pensione, è sospettato di avere fatto la spia al servizio della la Russia per vent'anni. Lo ha reso noto venerdì il cancelliere austriaco Sebastian Kurz, riferendo sulle indagini condotte dalla procura di Stato. La ministra degli esteri austriaca, Karin Kneissl ha, per il momento, cancellato una visita in Russia in programma il 2 e 3 dicembre. Secondo l'agenzia di stampa Apa, le informazioni che hanno consentito di scoprire la spia sono arrivate da servizi segreti stranieri.

Il ministero degli esteri russo ha reagito convocando l'ambasciatore austriaco a Mosca, Johannes Eigner. Mosca "non sa nulla" del colonnello in pensione austriaco accusato di spionaggio a favore della Russia, ha detto il ministro degli esteri russo Serghei Lavrov. "Negli ultimi tempi i partner occidentali come regola ricorrono non alla diplomazia tradizionale ma piuttosto alla diplomazia del megafono e ci accusano, chiedendo scuse pubbliche, per cose di cui non sappiamo nulla", ha aggiunto Lavrov.

ATS/M. Ang.

Condividi