"Mai in cella per le banche"

Intervista a Hervé Falciani, l’informatico franco-italiano che ha divulgato una lista di migliaia di presunti evasori fiscali clienti della HSBC - VIDEO

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

di Davide Mattei

“Non andrò in prigione solo per soddisfare certi interessi delle Banche”. È un Hervé Falciani sorridente e garbato ad affermare che non sarà presente al processo che si dovrebbe aprire contro di lui al Tribunale penale federale di Bellinzona entro fine anno. (GUARDA L’INTERVISTA IN CIMA ALL’ARTICOLO)

L’informatico franco-italiano è riapparso in Spagna per l’apertura del DocsBarcelona, un festival di documentari inaugurato proprio da “La lista Falciani”, un lungometraggio diretto dall’inglese Ben Lewis, che racconta la storia seguita al famoso furto di dati.

Falciani è comparso senza scorta alla prima, concedendo interviste a vari media proprio all’entrata. Un cambio chiaro di attitudine, dopo la riservatezza e le forti misure di sicurezza del passato.

“Da qualche mese a questa parte sto provando a diventare consulente”, afferma durante una lunga intervista con l’RSI, “lavoro per varie amministrazioni e ho contatti con europarlamentari sui temi dell’evasione fiscale”.

Falciani e Podemos

Non è un segreto che Falciani collabori anche con il partito spagnolo Podemos come esperto. È la sua seconda esperienza politica in Spagna, dopo aver partecipato alle elezioni europee nelle liste del Partito X, una formazione che è di fatto scomparsa dopo aver ottenuto solo 100 mila voti in tutto il paese.

Senza aver ottenuto l’immunità parlamentare (come ricorda il film, coprodotto anche da SRF e RTS) e senza più un partito alle spalle, Hervé Falciani si è trovato ospite di una serata alla fine della quale il pubblico è parso diviso: per alcuni è oramai divenuto un paladino della lotta contro i paradisi fiscali, per altri è piuttosto un ladro di dati riconvertitosi in collaboratore dopo essere stato sorpreso con le mani nel sacco.

La prossima occasione nella quale sentiremo parlare di lui, ricorda lo stesso Falciani, sarà il processo di fine anno in Svizzera.

Dal TG20:

 
Condividi