Le fontanelle per bere invece resteranno aperte
Le fontanelle per bere invece resteranno aperte (Wikipedia)

Milano chiude le fontane

La popolazione invitata a ridurre al minimo i consumi d'acqua potabile sia di uso domestico che per irrigare prati, giardini privati e pulire terrazzi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Per far fronte alla siccità, il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha firmato un'ordinanza per invitare "cittadine e cittadini a ridurre al minimo l'uso di acqua potabile sia di uso domestico che per irrigare prati, giardini privati e pulire terrazzi e cortili".

Lo ha spiegato lo stesso sindaco sulle sue pagine social aggiungendo che anche il Comune vuole fare la sua parte dopo che la Regione Lombardia ha decretato lo stato di emergenza idrica fino al 30 settembre.

Sempre stando al sindaco di Milano, oltre all'invito a ridurre al minimo l'uso di acqua potabile, il Comune di Milano ha adottato, per far fronte alla siccità, una serie di misure di emergenza come la chiusura di tutte le fontane.

Le eccezioni riguardano le fontane "dove sia presente fauna e flora e i laghetti/rogge dei parchi cittadini", scrive Fontana. Decisa inoltre "la sospensione dell'irrigazione a spruzzo dei prati e delle aree verdi, eccetto l'irrigazione a goccia che interessa i nuovi impianti di alberi" che vanno preservati.

 
ats/joe.p.
Condividi