Nord Stream, forse bombe sui robot

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
"A piazzare le bombe che hanno provocato quattro falle nel gasdotto Nord Stream 1 e 2, a circa 80 metri di profondità nelle zone economiche esclusive di Svezia e Danimarca, potrebbero essere stati i robot di manutenzione durante lavori di riparazione". Questa l'opinione di alcuni esperti riferita dal Guardian. "Se questa teoria si rivela corretta, la natura sofisticata dell'attacco e la potenza dell'esplosione aggiungerebbero peso ai sospetti che gli attacchi siano stati effettuati da un potere statale, con il dito puntato contro la Russia". Al momento dell'esplosione, il gasdotto conteneva circa 800 milioni di metri cubi di gas nelle tre linee off shore.
Condividi