Quartiere isolato
Quartiere isolato (reuters)

Parigi, torna la paura

Uomo ucciso da poliziotti davanti a un commissariato; era armato - Indossava simbolo dell'IS

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un uomo è stato ucciso da poliziotti nella tarda mattinata di giovedì davanti a un commissariato nel 18esimo arrondissement di Parigi. Descritto come "minaccioso" ha tentato di aggredire con un coltello due agenti (uno sarebbe rimasto ferito) urlando Allah è grande. L'uomo è stato identificato nel pomeriggio. Si tratta di un marocchino di 20 anni, già noto alle autorità essere stato arrestato dopo un furto commesso nel 2013. Secondo la ministra della giustizia Christiane Taubira, "non aveva legami con il radicalismo violento".

In un primo momento fonti avevano affermato che indossava una cintura esplosiva, rivelatasi poi finta. Il quartiere Barbès, dopo la sparatoria, è stato isolato. L’assalitore non aveva con sé documenti di identità, ma possedeva un foglio sul quale figuravano la bandiera dell’autoproclamato Stato Islamico (IS) e una rivendicazione.

Il comunicato
Il comunicato (web)

Il ministro degli Interni Bernard Cazeneuve si è subito recato sul luogo della sparatoria. Proprio oggi, giovedì 7 gennaio, Parigi ricorda a un anno esatto, la strage di Charlie Hebdo. Nel pomeriggio intanto, la Procura fatto sapere di indagare sull'azione definita "terroristica".

AFP/AlesS

Dal TG20:

Parigi, l'attacco di oggi

Parigi, l'attacco di oggi

TG 20 di giovedì 07.01.2016


La diretta da Parigi

La diretta da Parigi

TG 20 di giovedì 07.01.2016

 

 
 
Condividi