Pasto caldo on the road

In Svizzera hanno riaperto i ristoranti che accolgono i camionisti, a determinate condizioni. Hanno aderito una quarantina di locali

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Viaggiano per chilometri. Fanno tratte molto lunghe, dormono nella loro cabina per portare la merce a destinazione. Soprattutto d’inverno un pasto caldo è più che mai necessario per rifocillarsi e riscaldarsi. Una missione impossibile per i camionisti visto che i ristoranti sono chiusi per pandemia.

Da settimana scorsa però c’è una buona notizia. Il 20 gennaio hanno infatti riaperto (orario 17-22) in Svizzera i ristoranti che accolgono i camionisti, a determinate condizioni come piano di protezione, parcheggio per mezzi pesanti e possibilità di dormire nella cabina del camion. Questi locali sono stati inclusi nella categoria “ristoranti aziendali” ai sensi dell'Ordinanza sui provvedimenti per combattere l'epidemia di COVID-19. È quanto ha ottenuto les Routiers Suisses negoziando con l’Ufficio federale della sanità pubblica.

Una quarantina i locali che hanno sinora aderito e che sono aperti esclusivamente per questi lavoratori che desiderano una cena o servizi igienici.

Angelica Isola

Condividi