Scuola, fine delle bocciature

Gli allievi francesi dal 2015 non saranno promossi solo se lo vorranno i genitori

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Per bocciare un allievo in Francia dal prossimo anno servirà l’autorizzazione scritta dei genitori o quella dello studente se quest’ultimo è maggiorenne.

Il Ministero dell’educazione ritiene che la riforma possa evitare di demotivare gli alunni meno diligenti, i quali potrebbero abbandonare gli studi anzitempo. La bocciatura, quindi, è considerata un’eccezione da accompagnare con un programma personalizzato che permetta allo scolaro di colmare le lacune.

La revisione nasce anche dall’esigenza di tagliare i costi. Le bocciature costano infatti allo stato due miliardi di euro all’anno. In Francia il 28% degli allievi è stato almeno una volta ripetente, contro il 12% della media europea.

ab/RG

Condividi