(Reuters)

Strasburgo, continua la caccia all'uomo

Il bilancio ufficiale resta di 3 morti e 13 feriti - La città rimane sotto alta sorveglianza; l'autore conosciuto anche dalla giustizia svizzera

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il bilancio ufficiale della sparatoria di Strasburgo resta di tre morti e 13 feriti: la prefettura del Basso Reno ha infatti annullato una comunicazione in cui si parlava di due persone decedute in seguito ai colpi scoppiati ai mercatini di Natale martedì sera.

In città è stato allestito un centro di accoglienza per le famiglie delle vittime, che verranno informate e potranno disporre di un sostegno psicologico. Secondo quanto riportato dal quotidiano Le Monde tra i morti ci sarebbe un tailandese di 45 anni.

A Strasburgo oggi tutte le strutture sportive e culturali (piste di pattinaggio, musei, ecc.) rimarranno chiuse, a differenza delle scuole che sono regolarmente aperte. La sorveglianza messa in campo coinvolge la polizia nazionale, le forze mobili e quelle del dispositivo Sentinelle, la cellula anti-terrorismo, tutt'ora impegnati nella ricerca dello sparatore, che sarebbe un 29enne francese di origini nordafricane, già schedato come "radicalizzato" e con precedenti penali.

Cherif conosciuto anche dalla giustizia elvetica

Il 29enne autore dell'attentato è anche conosciuto dalla giustizia elvetica: secondo quanto scrivono Blick e 20minuten, Cherif è stato condannato a Basilea a un anno e mezzo di carcere  (di cui 16 mesi scontati in carcere) per furti, mentre a Zurigo era conosciuta dalle autorità per reati patrimoniali.

Reuters/dielle
Condividi