Trump ha deciso di trasferire a Gerusalemme l'ambasciata statunitense (keystone)

Tensioni per Gerusalemme

La svolta di Trump sul riconoscimento come capitale di Israele fa reagire Europa, Russia e Lega Araba

mercoledì 06/12/17 10:40 - ultimo aggiornamento: mercoledì 06/12/17 20:40

L'annunciata intenzione del presidente statunitense Donald Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele e trasferirvi l'ambasciata americana sta suscitando vibranti reazioni in tutto il mondo.

A niente sono valse le fortissime preoccupazioni espresse dagli alleati arabi ed europei che, nelle ultime ore, hanno sommerso la Casa Bianca di appelli alla prudenza, inviando al presidente americano un chiaro messaggio: non si può scherzare col fuoco, con la regione mediorientale pronta ad esplodere. Sarebbe un errore fatale. "La questione dello status di Gerusalemme dovrà essere risolto nel quadro dei negoziati di pace fra israeliani e palestinesi", il monito del presidente francese Emmanuel Macron. Il re di Giordania Abdallah e il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi hanno espresso direttamente al presidente USA tutta la loro contrarietà. In campo anche Papa Francesco, che ha parlato al telefono con Abu Mazen.

Il primo ministro turco Binali Yildirim ha bollato mercoledì la decisione di Trump come "illegittima". Secondo il premier "è essenziale per il futuro della regione e della pace nel mondo che il presidente americano" non vada avanti con il piano annunciato. Martedì il presidente turco Recep Tayyip Erdogan aveva evocato la possibilità della rottura dei rapporti diplomatici con Israele.

ATS/M. Ang.

TG 20 di mercoledì 06.12.2017  

TG 20 di mercoledì 06.12.2017  

 

 

 

Seguici con