"Mangia, prega e ama"

Un libro e un film hanno decretato il successo di Bali quale mèta turistica che deve però fare i conti con profitti, ma anche diverse sfide

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Artisti, hippies, surfisti, Bali ha sempre attirato turisti in cerca di esotismo e libertà. Solo recentemente è diventata il cuore spirituale del sudest asiatico, con i suoi centri di yoga e meditazione, i ritiri mistici, adatti ad ogni necessità e possibilità finanziaria.

Guarire attraverso riti semi-magici non è cosa nuova, ma era riservata agli indigeni: per questo i balinesi hanno accolto con generosità il bisogno degli occidentali di curare la propria anima, mettendo a disposizione credenze e tradizioni.

Il libro, poi divenuto un film, “Mangia, prega e ama” di Elizabeth Gilbert, ha contribuito a rendere l’isola famosa per il turismo spirituale. In 13 anni dalla sua pubblicazione, c’è chi si è arricchito, chi si è improvvisato un santone, chi ha lasciato tutto per trovare amore e pace, come la protagonista del romanzo. Ma c’è anche chi teme che questa ondata corrompa persone, cultura e futuro.

Le autorità puntano su un turismo di qualità e sostenibile, perchè la fama di Bali si è costruita a caro prezzo: l’immondizia difficile da smaltire, l’acqua che scarseggia, le strade congestionate sono solo alcune delle sfide di uno sviluppo sfrenato, che va ripensato se vuole continuare a regalare magia.

Loretta Dalpozzo

Condividi