(©Romina Vinci)

Una sola lista a Sorico

L'ombra del commissariamento sul comune del comasco dove i sindaci, negli ultimi dieci anni, sono stati vittime di gravi attacchi

Il 10 giugno, in Italia, i cittadini di 783 comuni saranno chiamati alle urne per eleggere le nuove amministrazioni.  A balzare all'onore delle cronache, in questa tornata elettorale, è stato, nell'Insubria, il caso di Sorico, una cittadina del comasco a 25 chilometri dalla Svizzera. Poco più di un migliaio i suoi abitanti, ma a destare clamore è il fatto che, fino all’ultimo, non si è riusciti a trovare nuovi candidati alla carica di primo cittadino. Il motivo? Negli ultimi dieci anni, i sindaci in carica hanno subito dei pericolosi attacchi intimidatori,  l’ultimo è toccato ad Ivan Tamola, attuale primo cittadino, che si è visto bruciare la macchina sotto casa, in piena notte, e per puro caso le fiamme non hanno invaso anche la sua abitazione.

Un piccolo giallo che va a scalfire una provincia che ha puntato tutto sulla bellezza e la quiete dei suoi paesaggi, e che vuole rispedire al mittente le accuse che ci sia la mano della “criminalità organizzata” dietro questi attentati.

Il paese si divide, tra chi rilascia maliziosi sorrisi, quasi a sottintendere una verità che non può essere palesata, e chi si guarda intorno, allibito, perché vede questo piccolo angolo di paradiso improvvisamente marchiato e screditato dall’opinione pubblica.

Ed intanto, lo scorso 12 Maggio, è stata depositata la candidatura di una sola lista, con a capo il sindaco uscente Ivan Tamola che, dal canto suo, lancia un appello ai suoi concittadini: quello di andare a votare perché, se non si raggiunge il quorum alle urne, il paese dovrà essere commissariato.

Romina Vinci

 

Condividi