Col controprogetto, i cantoni continuerebbero a decidere in autonomia (keystone)

A volto scoperto se richiesto

Lo prevede il controprogetto che il Governo intende opporre all'iniziativa "Sì al divieto di dissimulare il proprio viso"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Consiglio federale raccomanda di respingere l'iniziativa popolare "Sì al divieto di dissimulare il proprio viso", proponendo in alternativa, come già annunciato nel 2017, un controprogetto a livello di legge.

Stando a quanto indica il Dipartimento di giustizia e polizia nel comunicato pubblicato venerdì, qualora venisse scelta questa opzione, il volto dovrà essere mostrato come avviene nell'ambito del trasporto delle persone e chi si opporrà sarà punito con una multa. Norme che, in fase di consultazione, sono state accolte per lo più favorevolmente.

Il rifiuto del testo sostenuto da 105'553 firmatari dipende da motivi di federalismo: per tradizione spetta ai cantoni disciplinare la fruizione dello spazio pubblico, cantoni che anche in futuro dovranno essere liberi di decidere se introdurre o meno la proibizione, così come ad esempio ha fatto il Ticino con la legge antiburqa; nel caso venisse accolta l'iniziativa, invece, le soluzioni differenziate non sarebbero più possibili.

ATS/dg

Condividi