La sede del SIC (keystone)

Asilanti "a rischio": 21 casi

Tante sono le richieste per le quali il Servizio delle attività informative della Confederazione ha raccomandato il "no" nel 2018

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC) ha raccomandato di respingere 21 delle 5'338 domande di asilo che gli è stato chiesto di esaminare nel 2018. Solo l'anno precedente, 38 casi su 6'466, il numero era stato superiore, mentre in otto anni sono un centinaio in tutto i dossier sui quali sono emersi "dubbi di rilievo per la sicurezza nazionale".

La notizia anticipata dal Blick è stata confermata da un portavoce. Il SIC non sa poi quante delle domande siano state effettivamente bocciate dalla Segreteria di Stato della migrazione, che in generale "si attiene a queste raccomandazioni". Dagli attacchi terroristici del 2011, vengono valutate tutte le richieste da "paesi a rischio", la cui lista non è pubblica (ma il quotidiano svizzerotedesco parla di Iraq, Afghanistan, Siria, Yemen e Somalia). Si vuole evitare che estremisti arrivino in Svizzera per questa via.

Il SIC esamina anche le candidature alla naturalizzazione (nel 2018 ha suggerito 5 "no" su 49'000), istanze di accreditamento diplomatico (4 bocciate), permessi di dimora (3) e richieste di visto.

ATS/pon
Condividi