CSt dice "sì" a tassa "pronto soccorso"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
I pazienti che si recano al pronto soccorso per problemi lievi potrebbero dover pagare una tassa di 50 franchi. Lo ha deciso il Consiglio degli Stati approvando un'iniziativa parlamentare di Weibel (PVL/ZH). Una revisione legislativa sarà sottoposta al Parlamento. Saranno esclusi i giovani, i pazienti inviati da un medico e quelli che vengono ricoverati. Lo scopo è rendere i pazienti più consapevoli del sistema sanitario, privilegiare il medico di famiglia e sgravare gli ospedali. Il relatore Ettlin (Centro/OW) ha spiegato al plenum, invano, che la misura potrebbe essere controproducente: i bisognosi di cure potrebbero rinunciare a recarvisi rischiando complicazioni.
Condividi