I sostenitori dello Young Boys questo week end a Berna (keystone)

Hooligans: la polizia insorge

Dopo il ferimento di 7 agenti durante i festeggiamenti del titolo dello Young Boys i sindacati lamentano l'impossibilità di arrestare gli ultras in gruppo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Dura reazione dei sindacati di polizia dopo il ferimento di 7 poliziotti, nella notte tra sabato e domenica, negli scontri contro i tifosi dello Young Boys che festeggiavano il secondo titolo nel pieno centro di Berna.

Le forze dell'ordine chiedono l'applicazione dell'articolo del codice penale che consente l'arresto non solo di colpisce un agente, ma di tutto il gruppo. Inoltre, Si esige una pena detentiva minima per chi aggredisce membri delle forze dell'ordine.

"Da quasi 10 anni stiamo denunciando questi fatti", ha spiegato ai microfoni RSI Max Hoffmann, segretario generale della Federazione svizzera funzionari di polizia, "e la politica non risponde come noi speriamo. Bisogna proteggere di più chi è chiamato proteggere i cittadini stessi".

Esiste un concordato tra i cantoni per mettere in atto delle misure contro gli hooligans ma, secondo il sindacalista, non sono delle regole fisse bensì delle linee guida, e se queste misure non vengono attuate al 100% poi si hanno dei problemi nell'attuazione del programma stesso.

"Ogni volta che la polizia circonda un gruppo per poter procedere all'identificazione - conclude Hoffmann - le forze dell'ordine vengono aggredite e tacciate di ogni reato immaginabile, eppure c'è un articolo del codice penale che dice chiaramente che chi agisce in gruppo è corresponsabile dell'azione principale. Questo articolo non viene praticamente mai utilizzato, e noi ci chiediamo perché".

RG/Bleff
Condividi