Una cifra salita di 9 punti percentuali rispetto a maggio 2020
Una cifra salita di 9 punti percentuali rispetto a maggio 2020 (Keystone)

Il Covid continua a preoccupare

La crisi sanitaria pesa ancora sullo stato d'animo del 32% degli svizzeri a un anno dal confinamento

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un anno dopo la fine del primo lockdown, la crisi legata al coronavirus continua a preoccupare un terzo della popolazione svizzera (32%), 9 punti percentuali in più rispetto a maggio 2020. Lo indica un sondaggio di Comparis.ch. In una nota, Michael Kuhn, esperto di finanze presso Comparis, ha affermato che "nonostante le misure di sostegno della Confederazione e i vaccini, la crisi continua a pesare sullo stato d'animo delle persone. La paura di perdere il posto di lavoro resta alta".

La situazione economica, in un anno, si è invece stabilizzata: la maggior parte ritiene che le proprie finanze siano da uguali a nettamente migliori di quelle di maggio 2020. Solo per il 22% degli interrogati si stava meglio un anno fa. Per Kuhn ciò si spiega con il ricorso al lavoro ridotto e alle indennità per i casi di rigore che hanno permesso di contenere l'impatto economico della crisi. Per l'esperto non si può ancora però parlare di un cambio di rotta netto, "ma certamente di un miglioramento delle prospettive economiche per le persone con un reddito medio e alto".

Il long covid colpisce i giovani

Il long covid colpisce i giovani

TG di venerdì 07.05.2021

 

Senza sorprese, la percentuale di persone che ha registrato un peggioramento della propria situazione economica è particolarmente elevata nella fascia di reddito fino a 4'000 franchi mensili. Ne sono colpiti soprattutto i dipendenti del settore manifatturiero e commerciale, evidenzia Comparis. "Le persone con stipendi bassi hanno urgente bisogno di una prospettiva e la politica non deve dimenticarsi di loro", commenta Kuhn. Il sondaggio è stato realizzato in aprile dall'istituto demoscopico Innofact, su incarico di Comparis.ch, su 1'031 persone in tutta la Svizzera.

FD/ATS
Condividi