La cartina della diffusione del virus
La cartina della diffusione del virus (RSI)

La Svizzera non teme l'ebola

L'Ufficio federale di sanità pubblica giudica "molto basso" il rischio che l'epidemia colpisca cittadini elvetici

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il rischio che ci siano casi di ebola in Svizzera è “molto basso”. A sostenerlo è l’Ufficio federale della sanità pubblica, dopo una valutazione effettuata martedì sera. Le autorità elvetiche monitorano la situazione con attenzione, indica il sito internet del servizio federale. "Se un caso dovesse presentarsi, la Svizzera è comunque pronta a farvi fronte dal punto di vista medico", assicura la Confederazione.

Per ora "non ci sono degli allarmi o delle restrizioni di viaggio" per le destinazioni della Guinea, della Liberia e della Sierra Leone. Il rischio infezione è molto basso per i viaggiatori, visto che la trasmissione si verifica solo quando c’è un contatto stretto con un paziente o un animale malato. Alcune compagnie aeree hanno già cancellato alcuni voli in direzione dell’Africa occidentale. Swiss non copre quell'area.

Il virus è esaminato in un laboratorio di Spiez (BE). La struttura, finanziata con fondi federali, è messa in sicurezza. I lavori hanno avuto inizio nella primavera.

Red. MM/ATS

Condividi