Fanny Chollet con i colleghi piloti di jet David Zuber e Jean-Charles Linsi
Fanny Chollet con i colleghi piloti di jet David Zuber e Jean-Charles Linsi (Esercito svizzero)

La prima donna jet

La vodese Fanny Chollet ai comandi di un F/A-18 dell'esercito svizzero. Ottenuto il brevetto militare si formerà a Payerne

L’aviazione militare svizzera sta vivendo giorni storici. La 26enne vodese Fanny Chollet, ottenuto il brevetto di pilota lo scorso 15 dicembre con sette compagni di classe della scuola di Emmen, è la prima donna che prenderà i comandi di un jet da combattimento.

La Classe piloti 11. Otto diplomati: 5 saranno ai comandi di elicotteri, 3 di jet da combattimento
La Classe piloti 11. Otto diplomati: 5 saranno ai comandi di elicotteri, 3 di jet da combattimento (Esercito svizzero)

La primo tenente è stata incorporata nella squadriglia di Payerne. Per un anno si formerà sugli F/A-18 frequentando il corso di riconversione e l’addestramento tattico. Poi otterrà l’ammissione quale pilota di jet da combattimento.

Il comandante Mario Thöni si congratula con la neo pilota militare
Il comandante Mario Thöni si congratula con la neo pilota militare (Esercito svizzero)

Per “Shooty” (questo il suo soprannome da pilota) sarà il coronamento di un percorso iniziato nel 2009, mentre frequentava il liceo, con la selezione SPHAIR. In seguito  Ha conseguito i gradi presso gli aerodromi militari di Payerne, Dübendorf e Alpnach. Ha concluso la prima parte dell’istruzione ottenendo la licenza di pilota di professione presso lo Swiss Aviation Training e il bachelor all’Università di scienze applicate di Zurigo. Successivamente sono seguite le fasi d’istruzione di un anno ciascuna su PC-7 e PC-21.

Diem

Condividi