Meno di 480’000 nel primo semestre 2018 (Ti-Press)

Meno camion sulle Alpi

Diminuiti i TIR del 2,5% rispetto all'anno scorso, ma "nemmeno quest'anno gli obiettivi di legge verranno raggiunti"

Continuano a diminuire i camion attraverso le Alpi: meno di 480’000 nel primo semestre 2018 (in diminuzione del 2,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso). È il valore più basso dal 1999, quando entrarono in vigore le misure previste dalla Legge sul trasferimento del traffico merci su rotaia. San Gottardo: -1,5%; San Bernardino: -3,7% Sempione: quasi -8%. Queste le statistiche, che confermano la tendenza al ribasso dei passaggi attraverso le Alpi.

"Bene così", dice Jon Pult, dell'Iniziativa delle Alpi, "è la prova che la politica portata avanti in tutti questi anni funziona". Pult però aggiunge: “Nemmeno quest'anno gli obiettivi di legge verranno raggiunti, la politica deve fare di più”. Secondo la legge infatti, quest'anno nel 2018 si dovrebbe raggiungere l'obbiettivo, come scritto anche nella Costituzione, di non più di 650'000 camion. Obbiettivo che, visti i numeri dei primi mesi dell'anno, è ovviamente irraggiungibile. Pult auspica in particolare un aumento della tassa sul traffico pesante. Altre misure attese sono l'intensificazione dei controlli e un divieto dei trasporti pericolosi sul Sempione.

Berna dal canto suo rimarca: se i camion su strada continuano a calare, la forte crescita del trasporto su rotaia degli scorsi anni è in fase di stallo. Colpa dei numerosi cantieri, ma anche di circostanze esterne come gli scioperi francesi.

NOT/Bleff
Condividi