"Nessuna organizzazione criminale"

Prosciolti dall'accusa più grave i capi in Svizzera delle Tigri Tamil, il gruppo militare che combatté in Sri Lanka

Il World Tamil Coordinating Comitee (WTCC) non è un'organizzazione criminale: lo ha sentenziato giovedì il Tribunale penale federale (TPF), al termine del processo a carico dei 13 presunti fiancheggiatori in Svizzera delle Tigri Tamil, l'organizzazione militare che combatté contro l'esercito dello Sri Lanka per l'indipendenza del nord-est dell'isola.

Gli imputati sono stati quindi prosciolti dall’accusa principale promossa dal Ministero pubblico della Confederazione, ovvero sostegno o partecipazione a un'organizzazione criminale, e questo dopo un’inchiesta durata nove anni e al termine di un processo sviluppatosi sull’arco di una ventina di giornate di dibattimento.

Indennizzi per riparazione morale

Il TPF ha accolto solo in parte le richieste di condanna per reati finanziari. Cinque imputati sono stati tuttavia assolti con formula piena: per il loro coinvolgimento nel caso riceveranno un indennizzo per riparazione morale.

Nel corso del processo, la procuratrice federale Juliette Noto aveva chiesto pene detentive fino a sei anni  e mezzo di carcere, mentre la difesa aveva fatto leva sulle persecuzioni subite dai Tamil in Sri Lanka e sulla legittimità di combattere un regime oppressore.

ATS/ludoC

 

Il processo: la scheda

I 13 presunti fiancheggiatori ri in Svizzera delle Tigri Tamil erano accusati di partecipazione e sostegno a un'organizzazione criminale, truffa, falsità in documenti, riciclaggio di denaro ed estorsione.

Sentenza tigriTamil

Sentenza tigriTamil

TG 12:30 di giovedì 14.06.2018

L'inviato a Bellinzona

L'inviato a Bellinzona

TG 12:30 di giovedì 14.06.2018

Tigri Tamil, condanne minime

Tigri Tamil, condanne minime

TG 20 di giovedì 14.06.2018

 
Condividi