Camping sempre ben frequentati dai turisti svizzeri
Camping sempre ben frequentati dai turisti svizzeri (keystone)

Para alberghiero in calo

Il particolare settore turistico, complice la pandemia, ha accolto più ospiti svizzeri ma molti meno stranieri

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il settore para alberghiero elvetico ha registrato un calo dell'11,3% nel 2020, con 14,8 milioni di pernottamenti in totale, rispetto al 2019. Mentre la richiesta interna è aumentata leggermente, grazie al balzo in su dei campeggi (+11,1%), la domanda dei turisti dall'estero è crollata, ha specificato lunedì l'Ufficio federale di statistica (UST).

Le cifre mostrano un chiaro aumento del 3,8% dei turisti svizzeri, a 11,9 milioni di pernottamenti, che rappresentano l'80,3% della domanda totale, ma un calo del 44,4% dei turisti stranieri (2,9 milioni di pernottamenti).

 

La Regione del Lago di Ginevra è stata la migliore, in termini di domanda di alloggi per vacanze, con 2,8 milioni di pernottamenti; al secondo posto l'Espace Mittelland (per i campeggi), con 967'000 pernottamenti. L'UST rileva che quasi la metà dei pernottamenti nel settore para alberghiero (48,4%) sono stati effettuati in alloggi di vacanza.

ATS/Swing

Condividi