L'edificio era a rischio crollo e necessitava un intervento urgente (Keystone)

Riapre l'Abbazia di Payerne

Sono terminati dopo dieci anni i lavori di restauro. L'investimento è stato di quasi 20 milioni di franchi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'Abbazia di Payerne riapre al pubblico sabato dopo 10 anni di restauro, costati 20 milioni di franchi. La costruzione romanica dell'XI secolo, classificata monumento storico, era a rischio crollo e necessitava un intervento urgente.

Le facciate sono state stabilizzate e si è intervenuto anche sul tetto, le volte e i dipinti interni. La scorsa primavera era prevista una festa popolare annullata per la pandemia.

"L'avventura di questi lavori è stata lunga e a volte difficoltosa", anche se rappresenta solo un piccolo passo nella storia millenaria dell'Abbazia, ha dichiarato la consigliera di Stato Christelle Luisier.

Per i visitatori è stato concepito un nuovo percorso di scoperta interattivo, che si propone in particolare di far rivivere la storia dell'Abbazia attraverso i personaggi eccezionali che hanno fatto la sua grandezza.

I lavori di restauro dell'Abbazia, classificata monumento storico dal 1900, hanno richiesto un investimento di quasi 20 milioni di franchi, di cui 8,5 milioni per il solo Comune di Payerne. Hanno contribuito ai lavori anche la Confederazione (4,6 milioni), il Cantone Vaud (circa 2 milioni) e partner privati.

Questo finanziamento multiplo è stato considerato "esemplare" dal consigliere di Stato Pascal Broulis, responsabile del Dipartimento delle finanze e incaricato del patrimonio edilizio.

 
ATS/AnP
Condividi