Problemi alle porte, al software e all'elettronica di guida affliggono i nuovi treni a due piani (keystone)

Riparate 'sti "Dosto"!

Pressioni della commissione trasporti del Nazionale verso FFS e Bombardier: si risolvano i problemi dei 12 nuovi treni a due piani

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Molti problemi stano affliggendo i nuovi treni a due piani "Dosto", e la Commissione dei trasporti e delle telecomunicazioni del Consiglio nazionale ha invitato FFS e Bombardier (l'azienda che fornisce i convogli) a risolvere al più presto la situazione, soprattutto per quel che riguarda l'accessibilità per i disabili.

 

Problemi alle porte, al software e all'elettronica di guida, ai motori di trazione e all'impianto compressore sono responsabili di oltre i tre quarti di tutte le perturbazioni e le soppressioni di treni. Nell'incontro avvenuto lunedì mattina con le due aziende, i rappresentanti del Dipartimento dei trasporti si sono appellati alla necessità di trovare assieme delle soluzioni costruttive.

FFS e Bombardier, dal canto loro, "deplorano la situazione attuale e si scusano con i viaggiatori per i problemi di stabilità dei nuovi treni", si legge in una nota congiunta pubblicata Lunedì, nella quale assicurano di essere al lavoro a pieno regime per risolvere i problemi e migliorare l'affidabilità di questi veicoli, In merito alle eventuali penali le due aziende hanno deciso di non divulgare informazioni.

A fine gennaio 2019, aggiungono, è stato installato a bordo un nuovo software per il comando delle porte. Inoltre sono in programma delle manutenzioni speciali e delle ottimizzazioni da effettuare entro maggio 2019 per aumentare progressivamente l'affidabilità dei treni in modo che possano entrare in servizio il più presto possibile sull'asse est-ovest della rete ferroviaria svizzera..

Attualmente le FFS sono in possesso di 12 veicoli: quattro InterCity 200 su un totale di 23, cinque InterRegio 200 su 30 e tre InterRegio 100 su nove, che circolano come InterRegio sulle linee Zurigo–Coira via San Gallo e Zurigo–Basilea (IR 13/37). Le FFS integreranno altri veicoli non appena essi garantiranno la stabilità richiesta per una messa in servizio regolare e il numero delle perturbazioni sarà sceso a un livello accettabile.

ATS/Bleff
Condividi