(archivio keystone)

Ristorazione, "100'000 impieghi a rischio"

Lo sottolinea GastroSuisse, preoccupata dalle nuove possibili restrizioni - Circa due quinti delle attività potrebbe non superare l'inverno

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

A causa della pandemia di nuovo coronavirus, il settore della ristorazione in Svizzera sta attraversando un periodo drammatico. Se non si fa nulla, nell'immediato futuro il ramo potrebbe perdere fino a 100'000 posti di lavoro, ha avvertito oggi, martedì, il presidente di GastroSuisse, Casimir Platzer, durante una conferenza stampa a Zurigo.

Con il crescente numero di restrizioni imposte per motivi sanitari- rimarca Platzer – le entrate sono crollate e molti stabilimenti hanno dovuto chiudere. Circa due quinti potrebbero non superare l'inverno.

Ristoranti, aumentano le disdette

Ristoranti, aumentano le disdette

Il Quotidiano di domenica 25.10.2020

 

"In molte realtà i crediti Covid sono finiti", ha continuato Platzer. "Molti imprenditori non hanno più alcuna prospettiva". "Abbiamo comprensione per alcune misure", ha detto ancora, ma il pericolo di contagio nella gastronomia è irrisorio, ha sottolineato affermando che i concetti di protezione funzionano.

Per mercoledì sono attesi nuovi annunci del Consiglio federale riguardanti ulteriori misure di lotta all'epidemia di coronavirus e la ristorazione segue con attenzione l'evolvere della situazione, poiché potrebbe essere coinvolta direttamente.

 
ATS/ludoC
Condividi