L'edificio nel canton Argovia dove si tiene il processo al pluriomicida di Rupperswil
L'edificio nel canton Argovia dove si tiene il processo al pluriomicida di Rupperswil (Keystone)

Rupperswil, parla l'imputato

Il 34enne sotto accusa per il massacro del 2015 ha ammesso per intero i fatti di sangue a lui contestati

Il processo al pluriomicida di Rupperswil, nel canton Argovia, apertosi martedì ha visto il 34enne sotto accusa essere definito “responsabile dei suoi atti” e perciò “curabile” dagli esperti che si sono espressi in tribunale. Un giudizio che potrebbe escludere la possibilità di una condanna all’internamento a vita.

Il presunto assassino ha risposto al presidente della Corte di Lenzburg con voce ferma e sguardo freddo, descrivendo la sua pedofilia, le menzogne divenute una costante esistenziale e la situazione di studente mediocre.

Ha anche ammesso per intero i fatti che gli sono contestati ossia l’uccisione il 21 dicembre 2015, di una donna di 48 anni, dei suoi figli di 19 e 13 anni e della fidanzata 21enne del primo, oltre agli abusi sul ragazzo più giovane da lui compiuti prima di ucciderlo. Dopo il massacro ha poi dato fuoco all’abitazione. Secondo l’atto d’accusa, il 34enne stava preparando un altro attacco simile a quello di Rupperswil quando è stato arrestato.

ATS/EnCa

 

Delitto di Rupperswil, il processo

Delitto di Rupperswil, il processo

TG 20 di martedì 13.03.2018

In diretta, le ultime sul processo

In diretta, le ultime sul processo

TG 20 di martedì 13.03.2018

 

Condividi