L'edizione 2020 era pronta... ma non era partita
L'edizione 2020 era pronta... ma non era partita (keystone)

Salone dell'auto forse nel 2022

Gli organizzatori ipotizzano di rinunciare all'edizione 2021, dopo quella cancellata quest'anno per il coronavirus. Nuovi fondi o marchio in vendita

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Salone dell'auto di Ginevra -dopo l'annullamento dell'edizione 2020 a causa del coronavirus, che ha lasciato un buco nelle casse di 11 milioni di franchi- potrebbe decidere di rinunciare anche a quella del 2021 per ripartire nel 2022. Lo scrive online il quotidiano l'Agéfi, che ha intervistato il nuovo direttore del Geneva International Motor Show, Sandro Mesquita. Quest'ultimo ha sottolineato il momento delicato di tutto il settore, in difficoltà anche nel proporre le innovazioni che costituiscono parte del fascino dell'evento.

La possibile rinuncia al salone nel 2021 era già stata menzionata quando gli organizzatori del GIMS avevano rifiutato un prestito di 17 milioni di franchi da parte del Cantone, che subordinava la sua offerta proprio alla tenuta della manifestazione l'anno prossimo.

È la cifra che la fondazione sta ora cercando di reperire tramite banche e finanziatori privati. Se l'impresa non dovesse riuscire, una vendita del marchio non è esclusa.

Salone dell'auto, tempi duri

Salone dell'auto, tempi duri

TG 12:30 di giovedì 04.06.2020

 
ATS/pon
Condividi