L’errore di Berna è stato quello di far aumentare il numero dei casi durante l'estate (Keystone)

"Seconda ondata gestita male"

Un'analisi di Le Matin Dimanche rivela che la Confederazione ha sottovalutato l'evoluzione della pandemia durante il periodo estivo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

È stato nel cuore dell'estate che la Svizzera ha gestito male la seconda ondata di coronavirus, secondo un'analisi di Le Matin Dimanche, che ha avuto accesso ai verbali della task force Covid-19 del Consiglio federale.

Il dispositivo pianificato in primavera per impedire un simile scenario non ha mai funzionato correttamente. La Confederazione ha reagito con esitazione, frenata dalla mancanza di sostegno politico per ulteriori restrizioni e dalla mancanza di dati affidabili sulla dinamica dell'epidemia.

Il Governo federale, incoraggiato dal basso numero di nuovi casi registrati all'inizio di giugno, ha autorizzato riunioni all'aperto di oltre 30 persone il 22 dello stesso mese, nonché manifestazioni di meno di 1’000 persone. Da quel momento il virus ha cominciato a guadagnare terreno.

L’errore di Berna è stato quello di far aumentare il numero dei casi durante l'estate senza preoccuparsi troppo, secondo gli esperti interpellati dal quotidiano romando. Il tasso di riproduzione del virus è rimasto al di sopra di 1 a giugno, il che significa che l'epidemia stava nuovamente progredendo.

ATS/YR
Condividi