keystone

Spese allegre in Municipio

Inchiesta sui rimborsi chiesti dai cinque membri dell'Esecutivo comunale ginevrino

La procura ha aperto un'inchiesta sui rimborsi per le spese professionali dei municipali di Ginevra, dopo che da una verifica era emerso che i cinque hanno usato in modo piuttosto disinvolto i soldi dei contribuenti. 

Nel mirino si trova soprattutto Guillaume Barazzone, il più spendaccione, con 42'000 franchi richiesti in un anno, di cui 17'000 per costi di telefonia mobile e 3'000 per il taxi. L'ufficio dell'esponente popolar-democratico è d'altronde stato perquisito proprio mercoledì.

Secondo la Corte dei conti, le regole adottate in materia dalla città sono troppo permissive: non esistono direttive che specifichino cosa s'intende per spese professionali, né che cosa è coperto dall'indennità forfettaria o che cosa possa essere effettivamente risarcito.

ATS/dg

Barazzone nella bufera

Barazzone nella bufera

TG 20 di mercoledì 07.11.2018

Condividi