Segui il liveticker di RSI News con tutti gli aggiornamenti sulla situazione in Svizzera e all'estero
Segui il liveticker di RSI News con tutti gli aggiornamenti sulla situazione in Svizzera e all'estero (keystone)
Momenti chiave
23.11.2020 ore 19:53
23.11.2020 ore 19:14
23.11.2020 ore 17:31
23.11.2020 ore 17:20
23.11.2020 ore 12:34
23.11.2020 ore 09:49
23.11.2020 ore 08:13
23.11.2020 ore 07:39

Svizzera, quasi 10'000 contagi in più

Nell'arco di tre giorni altri 213 decessi. In Ticino aumentano le ospedalizzazione. Nei Grigioni altri 64 casi d'infezione
lunedì 23 novembre 2020 07:00

Sono 9'751 i nuovi contagi da coronavirus accertati da venerdì scorso a livello nazionale. In Svizzera sono stati inoltre registrati altri 213 decessi causati dalla patologia e 410 ulteriori ricoveri.

A livello regionale altre 5 persone hanno perso la vita in Ticino dopo aver contratto la malattia. In evidenza, inoltre, un nuovo aumento delle ospedalizzazioni, che nelle ultime 24 ore sono salite nel cantone a 382. Nei Grigioni, sempre fra ieri e oggi, non è stato invece registrato alcun ulteriore decesso. Si contano invece altri 64 casi d'infezione.

Sul versante della corsa ai vaccini, AstraZeneca ha comunicato questa mattina che quello da essa sviluppato con l’Università di Oxford ha mostrato un’efficacia media del 70% in due studi.

Sempre lunedi mattina le autorità retiche non hanno segnalato alcun nuovo decesso legato al Covid-19 nell’ultimo bilancio sulla pandemia. Sono stati registrati invece 64 nuovi contagi (ieri erano stati 120 e sabato 110).

Gli Stati Uniti sperano di avviare una campagna di vaccinazione di massa a partire da metà dicembre. E presto si potranno vedere le prime vaccinazioni anche in Europa. Ad annunciarlo il ministro della salute della Germania, Jens Spahn, anche lui ha parlato di metà dicembre per l’approvazione, chiedendo ai Länder di allestire i centri di vaccinazione già per metà del prossimo mese. Anticipazioni di stampa in Gran Bretagna parlano di un piano di vaccinazione pronto per dicembre.

La cronaca di domenica

di Joe Pieracci, Enrico Campioni, Elena Boromeo, Alex Ricordi

23.11.2020 ore 22:51
Brasile, 302 morti nelle ultime 24 ore

Il Brasile ha registrato 16’207 ulteriori casi e 302 morti nelle ultime 24 ore. Il Paese sudamericano conta ora 6’087’608 casi dall’inizio della pandemia, mentre il bilancio ufficiale dei morti è salito a 169’485.

23.11.2020 ore 22:12
Il lockdown light non danneggia l'economia della Germania

Il prolungamento del lockdown light in Germania non provoca significativi danni per l’economia: è l’opinione di alcuni economisti ed è quanto risulta da un sondaggio del l’istituto britannico IHS-Markit. Secondo il numero uno dei Saggi dell’economia Lars Feld continuare il lockdown light e limitare i contatti nel tempo libero “è una forte misura di protezione per l’economia tedesca”. Anche Michael Hueter, direttore dell’Iw (Istituto economico tedesco) concorda: “Il lockdown light causa alla lunga danni non così grandi come in primavera” e “l’industria è ancora in un corso espansivo”. Secondo il sondaggio tra i manager addetti agli acquisti, l’industria rimane chiaramente dentro un ciclo di crescita con 62,7 punti. E di questo approfitta soprattutto l’export in Asia.

23.11.2020 ore 21:23
Il re di Spagna Felipe VI in quarantena preventiva

Il re di Spagna Felipe VI è in quarantena dopo essere entrato in contatto con una persona risultata positiva al Covid-19. Il sovrano ha sospeso per dieci giorni tutte le sue attività ufficiali.

23.11.2020 ore 21:23
Serbia: 5'067 casi e 38 morti in 24 ore

In Serbia nelle ultime 24 ore si sono registrati 5’067 nuovi contagi da coronavirus, su 15’061 test effettuati con 38 decessi, il numero giornaliero di vittime più alto da inizio epidemia. I pazienti in ospedale sono 6’329, dei quali 216 in terapia intensiva con respiratore. In totale i casi di coronavirus sonio stati finora in Serbia 126’187, i morti 1’237.

23.11.2020 ore 20:24
Italia: "Non ci sono condizioni per aprire piste da sci"

“Le Regioni oggi hanno consegnato le linee guida sulle quali ci confronteremo quando ci saranno le condizioni per riaprire, oggi non ci sono. Valuteremo nel prossimo Dpcm se ci saranno le condizioni e per fare cosa”. Così il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, rispondendo alla domanda se potranno riaprire gli impianti sciistici.

23.11.2020 ore 20:22
Italia: "Già spesi 94 milioni per vaccini anti Covid"

“Abbiamo già speso 94 milioni, che è la quota che l’Unione Europea ha chiesto all’Italia per acquisire la quantità di vaccini finora predisposti”. Lo ha detto il Commissario per l’Emergenza Domenico Arcuri in audizione in commissione Bilancio sottolineando che il “meccanismo di acquisizione e contrattualizzazione dei vaccini avviene all’interno di un pool dell’Unione Europea che raggruppa tutti i Paesi che hanno sottoscritto l’accordo”. All’interno di questo accordo, ha spiegato Arcuri, ogni Paese ha diritto a una quota percentuale dei vaccini e quella dell’Italia è del 13,5%

23.11.2020 ore 20:14
Sarnen (OW): 66 casi in casa anziani

In una casa per anziani di Sarnen (OW) sono stati registrati 66 casi di Covid-19. Secondo il sito internet della struttura 35 ospiti e 31 membri del personale sono stati contagiati e isolati. La notizia è stata diffusa dal Blick. Nel corso del fine settimana ci sono stati due nuovi decessi, con un bilancio complessivo di otto morti, ha fatto sapere la casa per anziani.

23.11.2020 ore 20:11
Italia, "Picco epidemia fra 26 e 27 novembre"

La curva dell’epidemia di Covid-19 in Italia è ormai molto vicina al picco, previsto fra il 26 e il 27 novembre con circa 830’000 casi positivi che potrebbero dimezzarsi per Natale, anche se il numero resterà comunque molto alto e richiederà la massima attenzione. Lo indicano i calcoli eseguiti dal fisico Roberto Battiston, dell’Università di Trento, e basati sui dati forniti dalla Protezione civile.

23.11.2020 ore 19:53
Bulgaria, nuove restrizioni

Il ministro della Salute bulgaro Kostadin Anghelov ha annunciato stasera in una conferenza stampa a Sofia drastiche misure restrittive e la proroga della ‘situazione di emergenza epidemica’ nel Paese fino alla fine di marzo del prossimo anno a causa del coronavirus. Quella attuale scade il 30 novembre prossimo. Secondo le misure proposte dal ministro Anghelov verranno sospese le lezioni nelle scuole e negli atenei in tutto il Paese, le gare sportive e gli eventi congressuali. Rimangono chiuse le discoteche e i locali notturni. I ristoranti potranno preparare cibi soltanto da consegnare a domicilio. Saranno chiusi tutti i negozi, compresi i grandi centri commerciali, eccetto negozi per generi alimentari, farmacie, uffici postali, distributori di benzina e banche.

23.11.2020 ore 19:52
Sintomatici più infettivi in primi 5 giorni

I pazienti con Covid-19 sono molto più contagiosi nei primi cinque giorni di sintomi, mentre molto difficilmente restano infettivi oltre il nono. Lo afferma uno studio britannico pubblicato su Lancet Microbe, basato su una revisione di 79 ricerche precedenti.

23.11.2020 ore 19:26
Germania: ipotesi prolungare lockdown-light

I Land tedeschi sono intenzionati a prolungare il lockdown-light fino al 20 dicembre: è quanto risulta da un documento , in previsione della riunione di mercoledì tra i Land e la cancelliera Angela Merkel, che farà il punto sulle misure anti-Covid in Germania. Il 15 dicembre è previsto un ulteriore incontro per decidere come proseguire.

23.11.2020 ore 19:18
Politecnico di Milano: ViruSurf svela come cambia il coronavirus

Per capire come sta cambiando il genoma del nuovo coronavirus, il Politecnico di Milano ha sviluppato ViruSurf, un nuovo motore di ricerca per muoversi tra le principali banche dati mondiali (GenBank, COG-UK e GISAID) che contengono le sequenze genetiche di SarsCoV2. ViruSurf al momento contiene oltre 200’000 sequenze di SarsCoV2, il virus responsabile della pandemia, e più di 33’000 sequenze di altri virus associati ad epidemie di interesse per l’uomo come Sars, Mers, Ebola e Dengue.

23.11.2020 ore 19:14
Spagna: 25'886 casi in 24 ore

La Spagna ha registrato altri 25’886 casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, per un totale di 1’582’616 casi confermati dall’inizio della pandemia.

23.11.2020 ore 19:12
Francia: 4'452 casi e 501 morti in 24 ore

La Francia ha registrato 4’452 nuovi casi di coronavirus e 501 morti nelle ultime 24 ore, che portano il totale delle vittime dall’inizio della pandemia a 49’232. Sono 55 i pazienti in meno nei reparti di rianimazione, 73 quelli in meno negli ospedali. Cala al 13,3% il tasso di positività dei test.

23.11.2020 ore 19:07
Online la mostra su Artemisia Gentileschi

Nemmeno la pandemia da coronavirus può fermare quello che The Daily Telegraph ha definito “the show of the season”: chiunque abbia a disposizione uno smartphone, un PC o un tablet può infatti immergersi con un semplice click nella dolorosa bellezza della pittura di Artemisia Gentileschi, protagonista assoluta alla National Gallery di Londra nella grande mostra a lei dedicata.

23.11.2020 ore 19:06
Parigi, continuano feste clandestine

Continuano a prosperare le feste clandestine in tempo di lockdown a Parigi e nelle banlieue, nonostante gli interventi della polizia e le procedure giudiziarie contro organizzatori e partecipanti. In un caso, sabato sera, gli agenti hanno sorpreso 16 persone nella stessa villa in cui - una settimana prima - ne erano state trovate fra 300 e 400. E nonostante i proprietari fossero stati denunciati. A Parigi, diversi media hanno riportato la notizia di una festa con 300 persone in un hangar abbandonato nel 13esimo arrondissement

23.11.2020 ore 19:05
Turchia, record di 6'713 malati e 153 morti in 24 ore

Record di casi e vittime di Covid-19 nelle ultime 24 ore in Turchia, dove i nuovi malati registrati sono stati 6’713 e i morti 153, per un totale di 453’535 contagi e 12’511 decessi dall’inizio della pandemia. I casi riferiti da Ankara non includono i pazienti positivi ma asintomatici. I ricoverati in gravi condizioni ammontano a 4’409.

23.11.2020 ore 19:03
Lombardia, calano ricoveri e nuovi casi

Con 32’862 tamponi effettuati è di 5’289 il numero di nuovi positivi al Coronavirus in Lombardia, con una percentuale quindi in calo che si attesta al 16%. Sono in diminuzione i ricoveri: quattro in meno in terapia intensiva (945 in totale), sessanta in meno negli altri reparti (8’331), mentre con 140 decessi sale a 20’664 il numero complessivo dei morti. Per quanto riguarda le province, a Milano sono stati segnalati 1’604 casi, di cui 576 in città; a Varese 848, a Como 482, a Monza 749, a Brescia 405, a Lecco 184, a Bergamo 165, a Lodi 138, a Pavia 85, a Cremona 63, a Mantova 57 e a Sondrio 33.

23.11.2020 ore 18:36
Regno Unito, 15'000 casi e 200 morti

Nel Regno Unito, nelle ultime 24 ore, sono stati registrati 15’450 nuovi contagi (contro i poco meno di 20’000 di ieri), con altri 206 morti contro gli oltre 300 di ieri.

23.11.2020 ore 18:13
Germania, stagione sciistica rimandata

A causa del lockdown soft varato contro la seconda ondata di coronavirus l’apertura della stagione sciistica in Germania, prevista per il 13 novembre, è stata rimandata a dicembre. Se nulla cambia negli ultimi giorni i primi impianti apriranno tra il primo e metà dicembre, riferisce l’Adac (Automobil club tedesco).

23.11.2020 ore 18:12
OMS, evitare pranzi e cene in famiglia a Natale

La decisione più saggia a Natale sarebbe quella di non fare né pranzi né cene in famiglia per contenere la diffusione del coronavirus. Lo ha detto il capo tecnico dell’Organizzazione mondiale della sanità, Maria Van Kerkhove, durante il consueto briefing sul Covid-19. “La difficile decisione di non riunirsi in famiglia per le feste è la scommessa più sicura”, ha sottolineato la dottoressa.

23.11.2020 ore 18:11
Italia supera 50'000 morti, una strage in 11 mesi di Covid

A 11 mesi dall’inizio dell’emergenza coronavirus, l’Italia ha superato la soglia dei 50 mila morti per Covid. Secondo i dati del ministero della Salute il numero dei morti è arrivato a 50'453, con un incremento rispetto a ieri di 630.

23.11.2020 ore 17:50
Migliaia di ebrei ortodossi accalcati, l'ira di Cuomo a New York

Le immagini shock che mostrano migliaia di ebrei ortodossi accalcati e senza mascherina in una sinagoga di Brooklyn per un maxi-matrimonio ha scatenato l’ira del governatore di New York Andrew Cuomo. “È una palese violazione della legge, è illegale, ed è irrispettoso per la gente di New York”, ha affermato, sottolineando che la “città dovrebbe condurre un’indagine approfondita”. I video ottenuti e diffusi dal New York Post mostrano le nozze tenutesi l’8 novembre nella sinagoga di Satmar, a Williamsburg, che ha una capacità massima di 7000 persone ed era piena all’inverosimile di ebrei hasidici. Mentre la Grande Mela è alle prese con un aumento dei contagi di coronavirus e ha iniziato ad imporre nuove restrizioni, gli organizzatori hanno preparato in gran segreto e in violazione di tutte le norme il matrimonio di Yoel Teitelbaum, nipote del Rabbino di Satmar, Aaron Teitelman.

23.11.2020 ore 17:49
Johnson: "La cavalleria della scienza sta arrivando"

“Una via d’uscita” dall’emergenza coronavirus “è in vista”. Se ne è detto convito oggi il premier britannico Boris Johnson, annunciando alla Camera dei Comuni i piani per il dopo lockdown, che non sarà prorogato oltre il 2 dicembre in in Inghilterra, come ha confermato. “La cavalleria della scienza” sta arrivando e “nei nostri cuori sappiamo che in primavera avremo successo”, ha aggiunto Johnson, facendo riferimento ai progressi sui vaccini (in particolare con gli annunci di oggi sul prototipo britannico Oxford/Astrazeneca).

23.11.2020 ore 17:34
OMS, con vaccini speranza di mettere fine alla pandemia

“C’è adesso una reale speranza che i vaccini, insieme con altre misure sanitarie già testate, possano contribuire a mettere fine alla pandemia di Covid-19”. Lo ha detto il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Tedros Adhanom Ghebreyesus, nel consueto briefing sul coronavirus. “Nessun vaccino nella storia è stato sviluppato così rapidamente. La comunità scientifica ha stabilito un nuovo standard per la creazione dei vaccini”, ha sottolineato il numero uno dell’OMS.

23.11.2020 ore 17:31
Italia: 22'930 casi e 630 morti

Sono 22’930 i nuovi casi di coronavirus individuati in Italia nelle ultime 24 ore, circa 5400 meno di ieri, che portano il totale dei contagiati a 1’431’795. A 11 mesi dall’inizio dell’emergenza, il Paese supera la soglia delle 50 mila vittime per Covid. Secondo i dati del ministero della Salute il numero dei morti è arrivato a 50’453, con un incremento rispetto a ieri di 630.

23.11.2020 ore 17:20
Nuove misure nel Regno Unito

Riapertura di negozi non essenziali, palestre, ristoranti e pub, ma con coprifuoco alla 22 per gli ultimi ordini, esteso alle 23 per le consumazioni già servite. Sono alcune delle misure annunciate oggi dal premier Boris Johnson e possibili dal 3 dicembre nel Regno Unito. Esse varranno dall’alleggerimento delle precauzioni dopo la scadenza del lockdown nazionale bis in vigore in Inghilterra fino al 2 dicembre prossimo compreso, ma solo in alcune regioni.

Johnson ha presentato nuove misure per affrontare la pandemia e rafforzare un approccio regionale a più livelli, a seconda delle differenze nei tassi di infezione. “Non sostituiremo le misure nazionali con un via libera per tutti ... Torneremo invece a un approccio regionale, su più livelli, applicando misure più severe dove il Covid colpisce di più”, ha detto Johnson in Parlamento. “Il consiglio scientifico è che le nostre misure debbano essere più severe”.

23.11.2020 ore 16:53
Il coronavirus anche alla Ca' Rezzonico di Lugano

Il coronavirus è entrato anche alla Ca’ Rezzonico di Lugano. I residenti positivi risultano al momento in buone condizioni, hanno reso noto lunedì pomeriggio la direzione e il consiglio di fondazione specificando che le verifiche attuate dopo la scoperta del primo caso hanno escluso il contagio di collaboratori.

Tutti i positivi sono stati trasferiti nell’apposito reparto. Le attività di animazione e intrattenimento sono state momentaneamente sospese a scopo precauzionale, così come le visite da parte dei famigliari.

23.11.2020 ore 16:47
Svizzera, impianti di sci aperti ma con nuove regole

In Svizzera, le stazioni sciistiche sfuggono per ora alle misure di lotta al coronavirus. “Non vi è un divieto alla pratica dello sci. Ma i responsabili delle stazioni sciistiche devono sottoporre un concetto di protezione e spetta ai cantoni approvarlo, assicurarsi che sia valido e rispettato”, ha spiegato il portavoce dell’Ufficio federale della sanità pubblica, Daniel Dauwalder. Fino ad oggi nessun cantone limita la pratica dello sci. Sulle piste e nei dintorni ci saranno però regole più severe rispetto alle scorse stagioni. Si tratta tra l’altro di garantire le distanze, le misure di igiene e l’obbligo di indossare la mascherina in alcune circostanze.

23.11.2020 ore 16:41
Canton Friburgo, aiuti per le attività costrette a chiudere

Il Canton Friburgo ha deciso di aiutare le attività costrette a chiudere durante la seconda ondata del coronavirus e i loro dipendenti per quasi 8 milioni di franchi. L’aiuto per gli esercizi chiusi si aggiunge al sostegno di 3 milioni di franchi deciso dal Gran Consiglio nell’ambito del piano di risanamento di ristoranti, bar e discoteche. Questo aiuto sarà “calcolato sulla base dei costi fissi e in proporzione alla perdita di fatturato”, ha detto lunedì il Consiglio di Stato.

23.11.2020 ore 16:36
Ungheria, ingressi nei negozi scaglionati per over 65

L’Ungheria ha deciso di scaglionare gli ingressi nei negozi in base all’età per proteggere le fasce più a rischio coronavirus. Lo riporta il Guardian. Gli over 65 potranno entrare negli esercizi commerciali solo dalle 9 alle 11 nei giorni feriali e dalle 8 alle 10 nei week-end. L’Ungheria ha cercato per mesi di evitare un secondo lockdown e prevenire ulteriori danni all’economia, ma è stata costretta a chiudere le scuole secondarie e imporre un coprifuoco dalle 20 alle 5. Nelle ultime settimane 3’891 ungheresi sono morti a causa del Covid-19, mentre 177’952 persone sono state infettate dall’inizio della pandemia.

23.11.2020 ore 16:32
Sei residenti positivi alla Stella Maris di Bedano

Un focolaio di coronavirus è stato individuato alla casa per anziani del Medio Vedeggio dove in questi giorni 6 ospiti sono risultati positivi. Cinque di loro risiedono nello stesso reparto e, informa una nota della delegazione consortile e della direzione, lunedì sono stati trasferiti nel reparto Covid-19 predisposto al quarto piano della Stella Maris. Nessuno di loro ha dovuto essere ospedalizzato.

Tutti i residenti nel reparto sono stati invitati a rimanere nelle proprie camere e sono sottoposti a misure d’igiene rafforzate, secondo le direttive previste dall’Ufficio del medico cantonale. Al contempo, le attività di gruppo sono state momentaneamente sospese a scopo precauzionale, così come le visite da parte dei familiari.

Nelle ultime settimane anche alcuni dipendenti hanno dovuto restare a casa o perché in isolamento dopo essere risultati positivi ai test o in quarantena avendo avuto contatti con persone contagiate.

23.11.2020 ore 16:31
Francia: su sci a Natale "coerenti con Paesi vicini"

Annunciando una decisione “entro i prossimi 10 giorni” sull’apertura delle stazioni di sci a Natale, il Governo francese ha fatto sapere di aver consultato le organizzazioni del settore. La decisione sarà adottata "in funzione della situazione sanitaria, che deve rappresentare il criterio essenziale" ma "puntando ad essere coerenti quanto possibile con i nostri Paesi vicini".

23.11.2020 ore 16:29
UE: 200 robot per disinfettare ospedali

Robot per la disinfezione degli ospedali europei. La Commissione europea ha annunciato di avere lanciato l’acquisto di 200 dispositivi, con un bilancio complessivo di 12 milioni di euro dallo strumento di sostegno alle emergenze (Esi), nell’ambito dei “continui sforzi di Bruxelles per contrastare la diffusione del coronavirus e fornire agli Stati membri le attrezzature necessarie”.

23.11.2020 ore 16:28
"Privatizzazione sanità problema Lombardia"

“Per il coronavirus ci sono stati oltre 20 mila morti in Lombardia. Perché? Abbiamo una sanità privata fortissima e super pagata e una sanità pubblica debole. Una chiara scelta politica della destra al Governo da trent’anni: Formigoni, Maroni e Fontana. Bisogna cambiare tutto e smetterla di regalare gli asset strategici a chi ha come fine il profitto”. Così il senatore lombardo del MoVimento 5 Stelle Danilo Toninelli commentando le polemiche in atto sullo stato della sanità in Lombardia.

23.11.2020 ore 16:24
Melania Trump: festa alla Casa Bianca nonostante Covid

Le autorità sanitarie raccomandano agli statunitensi di non viaggiare e di limitare gli assembramenti al chiuso per le festività. Raccomandazioni che non sembrano valere per la Casa Bianca dove è in programma per il 30 novembre una festa organizzata dalla moglie di Trump, Melania. L’ultima festa organizzata alla Casa Bianca nella notte elettorale si è tradotta in molti nuovi casi di Covid-19 nell’entourage e non di Donald Trump. Le disposizione vigenti a Washington limitano a 50 persone gli assembramenti e non è chiaro se l’amministrazione rispetterà tale limite. Intanto montano le polemiche su un’amministrazione che si muove controcorrente e si mostra incurante delle regole.

23.11.2020 ore 16:19
Arabia Saudita distribuirà vaccino gratis

Il ministero della Salute dell’Arabia Saudita ha annunciato che il vaccino contro il coronavirus sarà gratuito per tutti coloro che vivono nel Regno. Lo riporta il canale tv Ekhbariya sul suo account Twitter. Il ministero saudita ha espresso l’auspicio di avere abbastanza vaccini per il 70% della popolazione entro la fine del 2021.

23.11.2020 ore 16:18
Montenegro secondo in Europa per contagi

Il Montenegro, in rapporto alla popolazione, è secondo in Europa per numero di contagi da Covid-19 su 100 mila abitanti. Secondo i dati del portale web tedesco ‘Statista’, il piccolo Paese balcanico, che conta appena 620 mila abitanti, ha un tasso di 4’754 contagiati su 100 mila abitanti, secondo solo al Belgio la cui incidenza è di 4’803 contagi. Terzo il Lussemburgo con 4’654 contagi. Il Montenegro - dove i contagi sono in totale oltre 31 mila - in giugno aveva dichiarato finita l’epidemia dopo 28 giorni consecutivi di zero casi e zero decessi, ma da alcuni mesi, al pari degli altri Paesi della regione, è interessato da una forte ripresa della curva epidemica.

23.11.2020 ore 15:54
Due positivi al Centro anziani di Balerna, visite sospese

Due ospiti del Centro anziani di Balerna sono risultati positivi al coronavirus. Lo hanno comunicato la direzione della casa e il Municipio rendendo noto che, a titolo precauzionale, d’intesa con l’ufficio del medico cantonale, tutti gli ospiti sono stati invitati a restare nella propria camera singola e le visite sono state momentaneamente sospese.

I due residenti contagiati sono entrambi asintomatici. Un’indagine ambientale per escludere altri contagi è in corso sia con i residenti sia con i collaboratori.

23.11.2020 ore 15:46
Turismo invernale: pernottamenti giù del 31%

Secondo l’Organizzazione svizzera del turismo, i pernottamenti invernali dovrebbero diminuire del 31% quest’inverno a causa della pandemia. La seconda ondata che ha investito l’Europa infatti ha frenato anche le prenotazioni da parte dei clienti internazionali verso le località sciistiche svizzere.

23.11.2020 ore 15:32
OMS: bene risultati vaccino AstraZeneca-Oxford

La notizia sui risultati preliminari del vaccino sviluppato da AstraZeneca insieme all’Università di Oxford è “incoraggiante e non vediamo l’ora di conoscere i dati”. Lo ha dichiarato Soumya Swaminathan, capa scientifica dell’Organizzazione mondiale della sanità, commentando i risultati ottenuti dalla sperimentazione in fase avanzata del vaccino. Swaminathan ha sottolineato l’apprezzamento dell’OMS per il basso costo e la facilità di stoccaggio di questo preparato: caratteristiche che saranno “positive per tutti i popoli e tutti i Paesi”.

23.11.2020 ore 14:09
Il Covid-19 al centro del dibattito parlamentare

L’evoluzione della situazione economica e le modalità con cui sono state affrontate le varie sfide poste dalla pandemia sono al centro del dibattito che questo pomeriggio si svolgerà in Gran Consiglio. I deputati, riuniti a Mendrisio, prima di esprimersi sui vari messaggi pendenti, tengono la discussione generale sul Covid-19.

RSI, come d’abitudine, propone la diretta streaming sul sito web e sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/RSINews.

23.11.2020 ore 13:12
Scende l'incidenza in quasi tutti i cantoni

I cantoni romandi restano i più colpiti dalla pandemia, ma tutti con un’incidenza in calo rispetto alla popolazione (calo in alcuni casi anche significativo). Sono seguiti a ruota dal Ticino, dove il valore è stabile rispetto a venerdì, stando ai dati aggiornati pubblicati dall’UFSP. Ci sono anche cantoni in controtendenza rispetto all’evoluzione nazionale, che è quella di una flessione dei contagi giornalieri: è il caso per esempio dei Grigioni, ma anche dei due Basilea e Svitto

23.11.2020 ore 13:03
Esami solo online all'Università della Svizzera italiana

All’Università della Svizzera italiana anche gli esami della prossima sessione invernale (gennaiko 2021) si terranno in forma digitale. Lo ha deciso, informa una nota, il comitato di direzione dell’USI per prevenire l’incertezza degli scenari legati allo sviluppo della pandemia e garantire allo stesso tempo un equo trattamento a tutti gli studenti.

Il senato accademico, nella sua seduta del 3 dicembre, sarà chiamato a prorogare la possibilità di svolgere online anche le discussioni di tesi.

23.11.2020 ore 12:58
La seconda ondata raccontata dai cineasti svizzeri

I tre produttori (Frédéric Gonseth di Grandvaux, Turnus Film di Zurigo e Cinédokke di Lugano), artefici del progetto “Lockdown 1” che la scorsa primavera aveva portato 33 registi a offrire il proprio sguardo sulla pandemia, hanno lanciato: “Collection Lockdown – 2nd Wave By Swiss Filmmakers”.

Tutte le cineaste e tutti i cineastri elvetici sono invitati ad offrire la loro visione personale del confinamento in un cortometraggio della durata massima di 15 minuti. I lavori andranno consegnati entro il 13 dicembre.

L’iniziativa è sostenuta da SRG SSR e dall’Ufficio federale della cultura. I film sottotitolati nelle tre lingue nazionali saranno diffusi su Play Suisse.

23.11.2020 ore 12:34
Pandemia e meno infezioni da HIV

Registrato un calo di quasi un terzo rispetto al dato del 2019

La pandemia rallenta l'HIV

Segnalato nel 2020 circa il 30% in meno di infezioni (236) rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Un risultato forse legato al Covid-19

23.11.2020 ore 12:10
In Svizzera la seconda ondata più letale della prima

L’ondata autunnale del virus ha fatto più vittime in Svizzera rispetto a quella primaverile. È quanto si osserva analizzando i dati ufficiali dell’UFSP: se si considera come data di inizio della seconda ondata il 1° ottobre, i decessi da quel momento a oggi sono stati 1’990. Un numero maggiore rispetto al totale registrato nell’arco temporale precedente, ossia da marzo alla fine di settembre (1’798 morti).

23.11.2020 ore 12:03
"La pandemia non risolverà il problema del cambiamento climatico"

Il rallentamento dovuto alla pandemia non è riuscito a fermare l’aumento record dei livelli di gas con effetto serra. A sostenerlo è l’Organizzazione meteorologica mondiale secondo la quale il calo delle attività ha causato una flessione delle emissioni di molti inquinanti - come anidride carbonica, metano e protossido di azoto – ma l’impatto sulla situazione globale è limitato.

Il Covid-19 non ridurrà i gas serra

La crescita delle emissioni si è ridotta, ma l’Organizzazione meteorologica avverte: "la pandemia non risolverà il problema del cambiamento climatico"

23.11.2020 ore 11:48
A livello nazionale meno contagi e ricoveri, ma più decessi

Sono 9’751 i contagi registrati a livello nazionale da venerdì, secondo i dati pubblicati questa mattina dall’Ufficio federale di sanità pubblica. I decessi legati al Covid-19, sempre nell’arco dei tre giorni, sono 213, mentre le nuove ammissioni in ospedale 410.

Tranne che per i decessi, si tratta di dati in calo rispetto allo scorso fine settimana, quando erano stati segnalati 12’839 casi, 198 morti e 483 nuovi ricoveri.

Complessivamente, ad oggi sono stati registrati 3’788 decessi ufficialmente attribuiti al Covid-19 tra Svizzera e Liechtenstein.

23.11.2020 ore 11:35
L'economia svizzera si stabilizzerà solo a fine 2021

Le difficoltà congiunturali provocate dalla crisi sanitaria non si riassorbiranno immediatamente. Lo sostiene il Créa, l’Istituto di economia applicata dell’Università di Losanna, secondo cui bisognerà attendere la fine del 2021 per osservare una stabilizzazione dell’economia elvetica. Secondo i ricercatori, il prodotto interno lordo (PIL) salirà del 2,1% nel 2021, mentre nell’anno in corso ci sarà una contrazione del 4%. Per vedere una crescita sostenuta, pari al 3,9%, si dovrà aspettare il 2022.

23.11.2020 ore 10:45
Il virus in 30 case per anziani ticinesi

Il coronavirus continua a diffondersi anche all’interno delle case per anziani ticinesi: nelle ultime 24 ore sono risultati positivi altri 21 residenti per un totale di 304 casi attualmente attivi. Sono toccati 30 dei 68 istituti esistenti nel cantone. Vi è stato anche un ulteriore decesso legato al Covid-19 (si tratta del 210esimo dallo scorso febbraio su un totale di 496 decessi registrati a livello cantonale).

Contemporaneamente 8 ospiti sono stati dichiarati guariti portando a 466 il numero complessivo dei residenti nelle strutture ad aver superato la malattia.

23.11.2020 ore 10:42
Ospedali e cambiamenti strutturali dopo i costi della pandemia

Il coronavirus costerà agli ospedali svizzeri tra 1,7 e 2,6 miliardi di franchi

Ospedali, cambiamenti accelerati

L'attuale crisi pandemica sta velocizzando le modifiche strutturali già in atto

23.11.2020 ore 10:09
In Ticino 140 nuovi contagi e 5 decessi

Sono 140 i nuovi contagi registrati in Ticino, in calo rispetto a ieri (227), ma va tenuto presente che sul dato incide l’effetto della domenica. Diminuiscono anche i decessi: quelli segnalati oggi sono 5, contro gli 8 di ieri.

C’è invece un leggero aumento dei ricoveri, che sono passati da 375 a 382 con 35 persone in terapia intensiva (stesso numero del giorno precedente). I pazienti sottoposti a respirazione artificiale sono 23 (3 in più di ieri).

23.11.2020 ore 09:58
Obvaldo: 60 contagi in una casa anziani

Più di 60 persone sono state contagiate in una casa anziani di Sarnen, nel canton Obvaldo. Secondo quanto comunica la stessa struttura sul suo sito internet, 35 ospiti e 31 membri dello staff sono risultati positivi e stati posti in isolamento. Una persona è deceduta. La notizia è stata anticipata dal Blick.

23.11.2020 ore 09:49
Nuovo picco di contagi in Russia

La Russia ha superato per la prima volta i 25’000 contagi di Covid-19 accertati in 24 ore. Secondo il centro operativo nazionale anti-coronavirus, nel corso dell’ultima giornata si sono registrati 25’173 nuovi casi, di cui 6’866 a Mosca e 2’926 a San Pietroburgo. Inoltre, 361 persone sono morte a causa della malattia, portando a 36’540 il bilancio ufficiale delle vittime.

23.11.2020 ore 08:13
Migros da record online

Migros si attende una domanda forte e sostenuta nell’ambito del commercio online in questo periodo segnato dal coronavirus. Tale canale di vendita potrebbe raggiungere un fatturato record nel 2020 per il gigante arancio del commercio al dettaglio.

23.11.2020 ore 08:12
Vaccino Oxford-AstraZeneca efficace al 70%

AstraZeneca ha comunicato questa mattina che il suo vaccino contro il Covid-19, sviluppato con l’Università di Oxford, ha mostrato un’efficacia media del 70%. Si tratta di risultati preliminari dello studio clinico nella fase tre della sperimentazione.

L’efficacia è salita al 90% in un gruppo di volontari a cui è stata somministrata prima mezza dose iniziale, seguita da una dose completa, ma al momento non è chiaro se questo metodo di somministrazione faccia realmente la differenza.

AstraZeneca: "Il vaccino funziona"

L'efficacia media è del 70%, ma può raggiungere il 90% secondo i primi dati - L'azienda britannica pronta a produrre 3 miliardi di dosi entro il 2021

23.11.2020 ore 08:02
Test di massa in Cina dopo la scoperta di alcuni contagi

Le autorità cinesi stanno testando milioni di persone e imponendo confinamenti e la chiusura di alcune scuole dopo che la scorsa settimana sono stati scoperti più casi di coronavirus trasmessi localmente in tre città: Tianjin, Shanghai e Manzhouli. I funzionari cinesi hanno allertato sul fatto che i mesi freddi accresceranno il rischio di diffusione del virus, nonostante le misure di controllo drastiche adottate nel Paese. La Cina ha registrato 86’442 casi accertati e 4’634 vittime dall’inizio della pandemia, che si è propagata da Wuhan.

23.11.2020 ore 07:39
Casi in calo in Germania

Le Germania ha registrato 10’864 nuovi contagi nelle ultime 24 ore, contro i 15’741 di ieri e i 22’964 del giorno precedente. Si tratta di un miglioramento ma che va preso con cautela, dal momento che i dati del lunedì risentono sempre dell’effetto del fine settimana. Calano anche i numeri relativi ai decessi: quelli segnalati oggi sono 90, in netta diminuzione rispetto ai due giorni precedenti (138 e 254).

23.11.2020 ore 07:26
Grigioni: 64 nuovi contagi e zero decessi

Le autorità retiche non segnalano alcun nuovo decesso legato al Covid-19 nell’ultimo bilancio sulla pandemia diffuso stamattina. Sono stati registrati invece 64 nuovi contagi (ieri erano stati 120 e sabato 110), mentre migliora leggermente la situazione delle ospedalizzazioni: attualmente le persone ricoverate per Covid-19 nei Grigioni sono 51, ovvero tre in meno rispetto al giorno precedente. Dieci di queste si trovano nei reparti di terapia intensiva, di cui nove sottoposte a respirazione artificiale.

23.11.2020 ore 07:20
Coronavirus: la corsa al vaccino al traguardo

Dopo gli annunci, le speranze, ora c’è una data: il 10 dicembre è atteso l’annuncio dell’ente di controllo e pochi giorni dopo partirà la campagna di vaccinazione negli Stati Uniti. I primi saranno dottori, infermieri, paramedici. Obiettivo: immunizzare 20 milioni di persone già entro fine anno.

E presto si potranno vedere le prime vaccinazioni anche in Europa. Ad annunciarlo il ministro della salute della Germania, Jens Spahn, anche lui ha parlato di metà dicembre per l’approvazione, chiedendo ai Länder di allestire i centri di vaccinazione già per metà del prossimo mese.

Anticipazioni di stampa in Gran Bretagna parlano di un piano di vaccinazione pronto per dicembre.

Mentre in Spagna ieri il primo ministro Pedro Sanchez ha annunciato che da gennaio saranno pronti 13mila punti in tutto il paese per somministrare le prime dosi.